Belgio, calcio nel caos: perquisizioni in 12 club e arbitri interrogati

Calcio

Raffica di perquisizioni nei club della prima divisione belga, tra i reati ipotizzati dalla procura federale frode, riciclaggio e corruzione. Tutto è nato da un'indagine aperta a fine 2017, potrebbero essere state toccate anche partite della scorsa stgione della massima serie belga

Una raffica di perquisizioni è stata realizzata in una dozzina di club di calcio della serie A belga. La magistratura indaga su vari reati come il riciclaggio e la corruzione. Su richiesta del giudice istruttore 13 perquisizioni sono state effettuate anche all'estero. Lo ha reso noto la procura federale.  

Secondo quanto riportano i media del Belgio tra le persone coinvolte e interrogate ci sono Herman Van Holsbeeck, ex dirigente dell’Anderlecht, l’attuale allenatore del Club Bruges, Ivan Leko, e gli arbitri Bart Vertenten e Sébastien Delferière. Le perquisizioni hanno riguardato le principali squadre della Jupiler League, tra cui Anderlecht, Standard Liegi, Club Bruges, Genk, Gent, Lokeren, Mechelen, Oostende e Kortrijk, oltre ad alcuni agenti di calciatori della prima divisione belga. L'indagine, cominciata nel 2017, ha messo sotto la lente di ingrandimento alcune partite della stagione di Jupiler League del 2017-2018, che potrebbero essere state combinate. Inoltre, oltre a sospetti di riciclaggio di denaro, gli investigatori stanno esaminando anche alcune commissioni pagate dagli agenti a calciatori e allenatori, mai dichiarate al fisco belga.

Pierre François, amministratore delegato della federazione belga, ha reagito a questa ondata di perquisizioni e arresti: "Questo è preoccupante per l'immagine del calcio belga. Sto aspettando di avere maggiori elementi a riguardo prima di aggiungere altro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche