Del Bosque: "Real, prendi Mbappè. Neymar non è un esempio"

Calcio
del_bosque_getty

L'ex Ct della Spagna non ha risparmiato critiche al campione brasiliano: "Ai Mondiali non si è comportato bene, non è stato un esempio per i giovani. Per questo, fra i due, prenderei il francese. Mi sembra più sensato". Poi sulla stagione del Real e sul nervosismo di Zidane: "Deve saper essere all'altezza"

TUCHEL: "NEYMAR E MBAPPE' VIA? TROVEREMO SOLUZIONI"

SCONTRO BALE-ZIDANE: "17 MILIONI O RESTO"

Vicente del Bosque è uno che di campioni ne ha visti tanti. Ha vinto tutto fra club e Nazionale, la sua Spagna e il suo Real Madrid hanno lasciato le briciole agli avversari. Adesso va per i 69 anni e non allena più dal 2016, ma la voglia di seguire e commentare il calcio lo seguirà ancora per molto tempo: "Chi prenderei fra Mbappè e Neymar fossi nel Real? Il primo mi sembrerebbe più sensato - ha raccontato durante la sua intervista a El Partidazo de COPE - il brasiliano non è stato un esempio per i più giovani. Il suo comportamento durante i Mondiali non mi è piaciuto. Finisce che anche i ragazzini si buttano ad ogni contatto e facendo una commedia dopo ogni fallo". Insomma, anche l'ex Ct della Spagna non ha gradito le tanto celebri simulazioni di cui il campione del Psg è stato spesso accusato: "Non importa essere dei buoni calciatori, bisogna avere anche un certo spessore umano" Ha ribadito convinto. 

"Real? Persone devono essere all'altezza"

Da giocatore prima e da allenatore poi. Una pagina di storia del Real porta la firma di Del Bosque, che con i blancos ha vinto tutto. Impossibile, dunque, non chiedergli un parere sulla complicata stagione degli ex campioni d'Europa: "Avere tre allenatori in un anno è molto complicato - ha detto - è difficile invertire la tendenza. Zidane preoccupato? E' il mestiere dell'allenatore, ma chi gestisce il club deve essere all'altezza. Ha un'ottima squadra, sono sicuro che si riprenderà". Chiosa finale su Bale: "Le sue parole sul mestiere del calciatore non sarebbero mai uscite qualora le cose fossero andate bene. Nel calcio, così come nella vita, ci deve essere disciplina. Quando diventi un calciatore, è come se perdessi la propria vita. Da bambini si sogna, si ride, si scherza. Da campioni ci sono delle pressioni da reggere".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.