Liechtenstein-Italia, Mancini: "Record Pozzo? Vorrei i suoi due Mondiali"

Calcio

Il Ct raggiunge il record di Pozzo con nove successi consecutivi alla guida degli azzurri: "Ma vorrei meglio i suoi due Mondiali e l'Olimpiade, però mi accontenterei anche dell'Europeo". Sulle scelte future: "Bravi tutti, ma a giugno qualcuno resterà fuori" 

Un netto 5-0 sul Liechtenstein e la nona vittoria consecutiva – l'ottava in altrettante gare di qualificazioni – alla guida dell'Italia, un risultato che permette al Ct Roberto Mancini di eguagliare il record di Vittorio Pozzo: "Ma non abbiamo fatto nessun brindisi particolare, quello lo abbiamo fatto per la qualificazione a Euro 2020. Il record di Pozzo? Mi interessa il record dei due Mondiali e dell'Olimpiade, quello sarebbe molto più importante. Accontentarsi dell'Europeo? Magari", le parole del commissario tecnico azzurro. Mancini che analizza il successo della sua Nazionale, stravolta nell’undici di partenza rispetto alle ultime apparizioni: "Abbiamo fatto fatica all'inizio, perché non trovavamo il secondo gol ma cambiando tanti giocatori poteva anche starci. Ho avuto risposte positive, ma i ragazzi avevano giocato poco insieme e questo era il problema. Nella ripresa abbiamo giocato meglio. Belotti? Ha fatto bene".

 

"A giugno qualcuno bravo resterà fuori"

A proposito di attaccanti: "Speriamo che all’Europeo il nostro attaccante sia come Paolo Rossi o Schillaci, cioè che faccia gol", ha ammesso Mancini analizzando la statistica dei 33 gol realizzati sotto la sua gestione con 19 giocatori diversi. Spazio ai singoli: "Belotti o Immobile? Per adesso li alterniamo. Poi all’Europeo ci sarà un titolare e uno che partirà dietro, ma fino a marzo li alternerò. Tonali pronto già per l’Europeo o sono prove in vista del Mondiale? Sandro migliora a vista d’occhio, è assolutamente un giocatore per il presente". Mancini sa che in vista del prossimo Europeo dovrà fare qualche taglio alla rosa: "Cristante e Di Lorenzo scalano posti nelle gerarchie verso Euro 2020? Se erano qua è perché ci crediamo. A giugno sarò costretto a fare delle scelte e qualcuno bravo dovrà restare a casa. Io spero che tutti questi giocatori possano avere altre possibilità, sono bravi. Noi cerchiamo di migliorare di squadra, a giugno vedremo", ha concluso il Ct dell'Italia.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche