Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
28 maggio 2011

Champions, una filastrocca ci dice chi vincerà. E anche come

print-icon
mes

Messi vola, Van der Sar guarda. Nel 2009 finì con la vittoria del Barcellona, adesso l'albo d'oro dice che è il turno del Manchester

Scorrendo l’albo d’oro emerge una strana “combinazione”. Negli ultimi 6 anni la coppa ha fatto il giro delle solite tre nazioni, rispettando un preciso ordine. Se la tradizione dovesse essere confermata, questa volta toccherebbe a...

FOTO - Facce da Champions, i tifosi di Barça e Manchester nel 2009 a Roma - Barça-Manchester United, la notte dei campioni. Due anni fa finì così

di Vanni Spinella

Prendetelo come un gioco. Oppure, se credete alle coincidenze, non perdete tempo e andate a piazzare la vostra scommessa. Il risultato di Barcellona-Manchester è scritto infatti in una filastrocca che, inconsapevolmente, abbiamo iniziato a recitare nel 2005, anno della sciagurata finale persa dal Milan contro il Liverpool di Benitez.

Provate a scorrere l’albo d’oro della Champions e capirete. Da 6 anni a questa parte (cioè da dopo l’impronosticabile vittoria del Porto di Mourinho) sono solo tre le nazioni che, a turno, hanno accolto la magica coppa dalle grandi orecchie: Inghilterra, Spagna, Italia.
Esattamente in quest’ordine, per ben due volte: Inghilterra-Spagna-Italia, Inghilterra-Spagna-Italia. Giunti all'inizio della terza strofa, pare ovvio che, se il disco si fosse veramente incantato, toccherebbe nuovamente agli inglesi. Manchester, dunque.

Come tutti i grandi codici, però, anche l’albo d’oro della Champions può essere interpretato in più modi. Proviamo a considerare solo gli ultimi 5 anni, ad esempio: Barcellona (2006), una milanese (il Milan, 2007), Manchester (2008). E di nuovo: Barcellona (2009), una milanese (l’Inter, 2010)… Manchester? Per completare il quadro in maniera simmetrica, non sembrano esserci altre soluzioni.

Volete anche il risultato esatto? Accontentatevi di sapere che finirà ai rigori. Anche in questo caso è “l’Albo” a parlare. Torniamo a sei anni fa: la famosa finale di Istanbul si decise dal dischetto. Poi, per due anni di fila, uscì il 2-1 sulle ruote di Parigi (Barcellona-Arsenal) e Atene (Milan-Liverpool). Di nuovo una finale terminata con i rigori (Manchester-Chelsea) e, per altri due anni di fila, lo stesso risultato (stavolta 2-0: Barcellona-Manchester e Inter-Bayern). Morale: il cerchio si è già chiuso per due volte. Per riaprirlo nuovamente si dovrà tornare sul dischetto.

CLICCA QUI E GUARDA I VIDEO CON L'EFFETTO STADIO

WEMBLEY IN 3D, LA FINALE DEI SOGNI

Le coincidenze dicono Manchester, e tu? Dillo nel Forum