Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
21 ottobre 2014

All'Olimpico c'è solo il Bayern: Roma affossata 7-1

print-icon
bay

Roma travolta dal Bayern Monaco: un passivo che riporta alla memoria la disfatta ad Old Trafford del 2007 (Foto Getty)

Comincia male e finisce malissimo, la serata degli uomini di Garcia, impotenti di fronte allo strapotere dei tedeschi. Dopo aver subito il primo gol scompaiono letteralmente dal campo, l'unico a salvarsi è Gervinho

ROMA-BAYERN MONACO 1-7
9' e 30' Robben (BM), 23' Goetze (BM), 24' Lewandowski (BM), 36' rig. Müller (BM), 66' Gervinho (R), 78' Ribery (BM), 80' Shaqiri (BM)

Guarda la cronaca del match


LE PAGELLE

C’è ma non si vede, la Roma, nella terza giornata della fase a gironi: davanti agli oltre 70.000 spettatori dell'Olimpico comanda il Bayern Monaco. Dopo il primo tempo l'esito del match è già scritto: la squadra di Guardiola, che in difesa dà spazio dal 1' all’ex Benatia, ci mette 45' per portarsi avanti 5-0. Finisce 7-1, una batosta che fa male all'immagine e all'autostima ma che non compromette la corsa verso gli ottavi di Champions League della Roma: la squadra di Garcia fallisce il sorpasso proprio sui tedeschi ma resta in solitario al secondo posto con 2 punti in più del City (fermato sul 2-2 dal Cska).

In avvio del match il Bayern Monaco sembra faticare nel possesso palla, ma ci mette 9' a far cambiare idea ai tifosi giallorossi, quando Robben con il sinistro si inventa il gol che zittisce l'Olimpico. La Roma prova subito a rispondere con Gervinho, murato da Neuer. Resterà l'unico tiro del primo tempo dei padroni di casa. In mezz’ora i tedeschi archiviano il match: ad andare a segno sono Goetze, Lewandowski, ancora Robben e Muller su rigore. La Roma sbanda fino a scomparire, mentre il Bayern mantiene un ritmo forsennato.

Nella ripresa la Roma sembra essersi svegliata: al 48' si fa vedere Nainggolan, 6' dopo ci provano Gervinho e Florenzi. Ma oltre al gol ai giallorossi manca anche la fortuna: il destro dell'ivoriano finisce sul palo, mentre il centrocampista viene annullato da Neuer. Gervinho si fa ancora sotto: al 60' viene fermato dal portiere del Bayern, 6' dopo di testa segna la rete che regala la prima e l'unica gioia a Garcia. Rischia di firmare il raddoppio al 69', ma non riesce a concretizzarlo per la segnalazione di un fuorigioco inesistente. Nella mezz'ora successiva la storia non cambia: partecipano alla festa anche Ribery e Shaqiri, finchè dopo il 2' di recupero si spegne la serata da incubo dei giallorossi.