Condò: "CR7? Presuntuoso ma non nel suo lavoro". E Khedira...

Champions League
drago_champions

L'opinionista di Sky Sport analizza i punti di forza di Juventus e Real Madrid. Ronaldo bilancia Higuain e Dybala, la differenza la potranno fare i centrocampisti. Determinante potrebbe essere la sfida tutta tedesca tra Kroos e Khedira

Fanno discutere le parole di Cristiano Ronaldo pronunciate a qualche giorno dalla finale di Cardiff tra Juve e Real. Il portoghese, senza mezze misure, ha detto che "Il Real è più forte della Juventus". Frasi che rimandano alla memoria quelle pronunciate da Johann Crujiff alla vigilia della finale di Coppa dei Campioni del 1994 quando poi il Milan sconfisse, e diede una lezione di calcio, al Barcellona battuto 4-0. Della personalità del campione merengue parla Paolo Condò, opinionista di Sky Sport: "Partiamo dal presupposto che Ronaldo non è un giocatore umile. Poi dobbiamo identificare cosa noi intendiamo per umiltà. Il suo atteggiamento, a parole non è umile, ma la sua professionalità, la sua voglia di migliorarsi, di migliorare il suo stato di forma come quando a Manchester dopo l'allenamento andava a palleggiare sulla neve, è intrisa di umiltà".

Il centrocampo della Juve e quello del Real

Secondo Condò una delle chiavi del match sarà l'apporto che riusciranno a dare i centrocampisti nelle due fasi, di possesso e di non possesso. "La Juve è più forte in difesa -dice- in fase di attacco Ronaldo bilancia Higuain e Dybala. E' vero che negli 11 della Juve di centrocampisti veri e propri ce ne sono 2 mentre il Real ne ha almeno 3 o 4 con quelle caratteristiche. Allegri però può contare sul contributo che danno Mandzukic e Alves soprattutto in fase di non possesso".
 

La sfida tutta tedesca tra Khedira e Kroos

Una sfida che incuriosisce è quella tra i due tedeschi che si ritroveranno di fronte a centrocampo: "Il valore individuale di Modric e Kroos è forse più elevato di quello di Khedira e Pjanic. Al Bernabeu Khedira è stato ripudiato anche perché Mourinho lo faceva giocare sempre, e aveva l'ostracismo della stampa di Madrid perché non è spettacolare - dice ancora Condò - Alla Juve il suo valore è apprezzato e avrà motivazioni in più. Ai tempi di Madrid Khedira era più fragile dal punto di vista fisico, alla Juve hanno trovato il modo giusto di preservarlo. Khedira e Kroos sono equivalenti come tipo di giocatori ma la differenza è che Kroos si è trasformato in registra arretrato, Khedira nasce in quel ruolo".
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche