Nizza-Napoli, Sarri: "Mertens non è in dubbio. Dimentichiamo l'andata"

Champions League
maurizio_sarri_lapresse

Dopo il successo della gara del San Paolo per 2-0, l’allenatore della formazione azzurra presenta così la sfida di ritorno del preliminare di Champions League contro il Nizza: "Dobbiamo contenere le loro qualità offensive, Balotelli e Sneijder sono due giocatori importanti. Mertens? Non credo sia in dubbio"

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Un 2-0 nella gara d’andata al San Paolo che permette al Napoli di affrontare con maggiore serenità la sfida di ritorno del preliminare di Champions League contro il Nizza, ma guai a sottovalutare il match che vedrà gli azzurri affrontare Balotelli e compagni nella sfida che si disputerà domani sera in terra francese. "Mario e Sneijder sono due nomi che parlano da soli, hanno una storia importante alle spalle. Sono ancora abbastanza giovani per incidere in una gara importante, noi dovremo essere ancora più bravi dell'andata per contenere al massimo le possibilità offensive del Nizza che sono importanti", le parole di Sarri. Che poi fa il punto sulle condizioni di Mertens: "Parlando col dottore, non credo sia in dubbio. Ha subito un colpo a un piede, le scarpe gli davano un po' fastidio e l'ho spedito in palestra. La scelta è stata più mia che sua, ma parlando con lui e col dottore nessun vede grosse problematiche".

"Dimentichiamoci la gara del San Paolo"

Sarri lancia un messaggio chiaro alla sua squadra: "Dobbiamo dimenticarci della gara andata, non dobbiamo correre il rischio di avere una interpretazione alla partita che non è adatta a noi. La gara del San Paolo non è indicativa, domani ci sarà un Nizza più offensivo e determinato. All'andata siamo stati bravi a far sembrare gli avversari meno forti della realtà, ma non credo che l'andata sia indicativa. Dobbiamo entrare in campo pensando alla singola gara, altrimenti corriamo il rischio di dimenticare di giocare il nostro calcio. Favre crede nella qualificazione del suo Nizza? Il risultato dell'andata lascia aperti a ogni soluzione, è giusto crederci. Il Nizza è una squadra forte, una parte di responsabilità è nostra perchè abbiamo sfruttato solo due occasioni nella sfida del San Paolo. Ma anche noi siamo forti e ci crediamo, veniamo qui per fare risultato a tutti i costi. Sarà dura per noi, ma sappiamo che sarà dura anche per loro", ha aggiunto l’allenatore del Napoli. "Se ho festeggiato le 100 panchine con il Napoli? Non festeggio più nemmeno i compleanni, mi sembra di avere troppi anni. Come mi sembra di avere troppe panchine, per questo non guardo le statistiche e spero che il meglio debba ancora venire", le parole di Sarri.

"Gara importantissima che può condizionare l’intera stagione"

"Se c’è maggiore fiducia rispetto allo scorso anno? La squadra ha fatto un percorso diverso, abbiamo fatto tante amichevoli e ci sono calciatori che stanno bene. Come determinazione, la squadra è già più focalizzata sulle partite visto il playoff Champions. L'anno scorso c'erano ragazzi giovani, un attimo meno pronti rispetto agli altri. Ora sono maggiormene inseriti all'interno della squadra, la sensazione è che potevo fidarmi di loro fin dalla prima di campionato. E' una sensazione diversa dall'anno scorso, questo è vero.  Secondo me quella con il Nizza non è una gara normale, ma è importantissima. Può condizionare l'intera stagione sotto il profilo mentale, un ko avrebbe contraccolpi anche sotto il profilo psicologico", ha aggiunto Sarri. Che poi è tornato a parlare della formazione francese: "Mi piace poco parlare dei singoli, il Nizza è forte e ha singoli molto forti. Seri ha grandi qualità nell'impostazione, è di altissimo livello. Saint-Maximin
è un ragazzo giovane, talentuoso e pericolosissimo. Forse tatticamente non è ancora ineccepibile, ma è un calciatore pericoloso. Ma è tutto il Nizza a essere forte", ha concluso Sarri.

Koulibaly: "Balotelli e Sneijder in campo? Per noi non cambia nulla"

Oltre a Maurizio Sarri, a parlare ai giornalisti in sala stampa c’è anche Kalidou Koulibaly: "Balotelli e Sneijder sono due giocatori di grande esperienza, ma per noi non cambierà nulla. Mario non ha bisogno di presentazione, tutti lo conoscono. E’ un giocatore molto bravo, ma noi dobbiamo pensare a noi stessi. Faremo di tutto per non farlo segnare. Noi siamo concentrati e giocheremo il nostro calcio offensivo per provare a centrale la qualificazione. Il risultato dell’andata? Tutto può succedere nel calcio, il 2-0 non ci dà garanzie assolute, peccato non aver fatto il terzo gol al San Paolo. La Champions è un nostro obiettivo", ha affermato il difensore del Napoli. Koulibaly che ha poi parlato così delle condizioni della squadra: "Abbiamo lavorato molto bene nel precampionato, è stata dura ma il mister e lo staff hanno avuto ragione perché siamo stati bene fin dalla prima partita. Non abbiamo mollato niente e anche domani faremo lo stesso, vedremo lo stesso Napoli di sempre".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche