Champions, lo Sky Tech spiega come è nato il quarto gol di Liverpool-Barcellona. VIDEO

Champions League

Nel post gara di Sky Sport, Capello, Pirlo, Condò e Costacurta hanno analizzato il gol decisivo segnato dai Reds. Tutto nasce dall'intuizione di Alexander-Arnold, che sfrutta la clamorosa disattenzione dei catalani. Nessun giocatore di Valverde, infatti, guarda la palla. Nemmeno Ter Stegen

LIVERPOOL IN FINALE? "MERITO" ANCHE DEL RACCATTAPALLE

FANTASMA MESSI: I NUMERI DI ANFIELD 

IL MONDO CELEBRA IL LIVERPOOL

Classe 1998, la sua carta d'identità dice appena 20 anni. Ma Alexander-Arnold in campo sembra un gigante, un veterano. Molto dell'impresa del Liverpool passa dalla sua intuizione vincente. E' il minuto 79, i Reds continuano ad attaccare perché serve ancora un gol per compiere l'impresa. C'è un calcio d'angolo da battere, ma anche un secondo pallone nell'area del Barcellona. Il gioco è quindi momentanenamete fermo, Messi e compagni possono respirare dopo minuti di assedio. Lo pensano solo loro, però. Non il terzino inglese che, dopo aver visto Origi buttare fuori il pallone di troppo e dopo aver "fintato" di lasciare il corner a Shaqiri, ritorna sui suoi passi e serve l'assist vincente all'attaccante belga, che fa impazzire Anfield: "E' stato bravo lui a vedere che il secondo pallone era stata buttato fuori dal compagno", ha commentato Andrea Pirlo nel post gara analizzando l'azione allo Sky Tech, poi seguito da Capello che si è focalizzato sul comportamento del portiere del Barcellona: "Nessuno guarda la palla, nemmeno Ter Stegen". Infine Condò che riprende un film con Paul Newman e Robert Redford: "Questa è la Stangata". 

Piedi e istinto 

Con questo fanno 14 assist in stagione per Alexander-Arnold, nessuno come lui nella rosa del Liverpool. Merito sicuramente dei suoi piedi, ma anche di un istinto sopra la media. Lo stesso che lo ha portato a sfruttare la rapidità del raccattapalle - bravissimo nel posizionare subito il pallone nella lunetta - ad accorgersi della seconda palla presente in campo buttata fuori da Origi e a servire l'attaccante belga: "E' stato solo istinto - ha poi dichiarato nel post gara il calciatore inglese - uno di quei momenti in cui vedi l'opportunità. Poi è stato molto bravo Divock (Origi n.d.r) che si è dimostrato attivo ed efficace. E' un grande giocatore". I tifosi sono impazziti per la giocata di Alexander-Arnold, una furbata che non si vede spesso sui campi: "Penso che il Liverpool debba costruire una statua in suo onore",hanno commentato alcuni: "E' come Einstein", il pensiero di altri. Fatto sta che l'intuizione del terzino classe 1998 ha portato i compagni in finale. La seconda consecutiva. Ora Liverpool sogna una rivincita. 

I più letti