Barcellona-Napoli, niente Camp Nou per il coronavirus? De Laurentiis: "Si giochi altrove"

Champions League
©LaPresse

L'Uefa starebbe valutando la possibilità di non giocare al Camp Nou la partita dell'8 agosto tra Barcellona e Napoli, valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. De Laurentiis: "Si giochi altrove". L'Uefa all'ANSA: "Monitoriamo la situazione, la partita è programmata come previsto"

CORONAVIRUS, LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI LIVE

L'aumento dei contagi da coronavirus in Catalogna preoccupa l'Uefa, che valuta con attenzione la possibilità di non giocare al Camp Nou la partita tra Barcellona e Napoli, in calendario sabato 8 agosto e valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Il massimo organismo calcistico continentale, secondo quanto ha riferito la radio catalana RAC 1, ha chiesto al Dipartimento della Salute della Catalogna dati sulla pandemia nell'area, nel rispetto dell protocollo seguito anche nelle altre città in cui si giocano le partite della Champions League. L'Uefa monitorerà con attenzione il picco di casi in Spagna, triplicati in due settimane e non è esclusa l'ipotesi di disputare la gara tra i blaugrana e la squadra di Gattuso lontano dal Camp Nou. In una dichiarazione all'ANSA l'Uefa risponde: "Stiamo monitorando la situazione e siamo in contatto con le autorità locali competenti. La partita è programmata per essere disputata a Barcellona come previsto"

Ottimismo Barça, l'alternativa è Lisbona

leggi anche

Mariano positivo, UEFA: "Fiducia per la Champions"

La decisione dell'Uefa arriverà entro il fine settimana e sarà fondata sulla risposta del Dipartimento della Salute. Il club catalano non ha ricevuto comunicazioni ufficiali in merito e secondo quanto appreso dal Mundo Deportivo, sempre molto vicino all'ambiente blaugrana, le autorità sanitarie assicurano che la gara potrà essere giocata a Barcellona. Una convinzione fondata anche sul fatto che i turisti continuano ad arrivare senza limitazioni in città. L'alternativa al Camp Nou sarebbe quella di spostare la sede di gioco a Lisbona, dove è in programma già la Final Eight di Champions.

De Laurentiis: "Si giochi altrove"

"Se hanno deciso che la Champions si fa in Portogallo e l'Europa League in Germania, possiamo anche noi per gli ottavi mancanti andare in quei Paesi, non riesco a capire come mai dobbiamo rimanere in una città che mi sembra presenti delle grosse criticità". Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis esprime così le sue perplessità in vista della sfida in Catalogna, dove è tornata alta l'allerta coronavirus.