Caricamento in corso...
10 gennaio 2017

Fiorentina, Sousa: "Non ho parlato con Kalinic"

print-icon
Paulo Sousa - Fiorentina

Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina (getty)

L'allenatore viola ha smentito le voci di un colloquio con Nikola Kalinic e ha predicato attenzione per la sfida di Tim Cup dimercoledi contro il Chievo Verona di Maran

Una lunga pausa per la Fiorentina, che ora - dopo il rinvio della gara di Pescara (si recupererà l’1 febbraio) - è pronta ad affrontare in Tim Cup la prima gara del 2017. Contro, il Chievo Verona di Rolando Maran. Alla vigilia della sfida ha parlato in conferenza stampa Paulo Sousa, soffermandosi in particolare sulla vicenda di mercato relativa a Kalinic.

Situazione-Kalinic - Non ci sono novità che riguardano il croato ed una possibile partenza per la Cina: dopo le spese folli delle scorse settimane, il governo cinese ha posto dei limiti che potrebbero costringere il Tianjin a formulare un’offerta più bassa, tra i 35 e i 38 milioni di euro. Se il club viola dovesse respingerla, decisiva diventerebbe la volontà del croato - che se accettasse andrebbe a guadagnare 8-10 milioni di euro per quattro anni.

Le parole di Sousa - “Cercheremo di lavorare con i giocatori a disposizione per provare a migliorarli e a vincere le partite. I nomi dei sostituti? Ho già parlato a lungo su questo, io do la mia analisi poi tocca alla società di prendere le sue decisioni. Colloquio con Kalinic? Non mi piace parlare di questo, io sono uno degli interessati in questa vicenda ma è tutto inventato, come diverse volte è successo. Questi personaggi che dicono queste cose inventandosele lo fanno per fare vedere che sono bene informati e per manipolare i nostri tifosi. Non ho mai detto di aver indirizzato il club per l'acquisto di Kalinic. Io devo fare solo il mio mestiere di allenatore”.

Chievo - "E' uno scontro diretto, chi vince passa e noi vogliamo andare fino in fondo a questa competizione. L'attenzione dovrà essere massimale. E' un momento completamente diverso rispetto a quello di un anno fa, il livello emozionale e caratteriale è una cosa sulla quale lavoriamo tutti i giorni. Noi stiamo crescendo e lo stiamo facendo molto bene. Noi dobbiamo dare il massimo in qualsiasi partita, dobbiamo lavorare per vincere tutte anche in base al livello degli avversari che troveremo davanti”.

Mercato - “Disturba? Io cerco di essere il più concentrato possibile su quello che posso fare: io ai miei giocatori chiedo sempre la capacità di essere focalizzati sul proprio lavoro per dare il meglio di se stessi. Il mercato cinese? Stanno cercando di portare i migliori giocatori ed allenatori nel loro calcio per crescere, hanno capacità".

Astori out - "Speriamo di recuperarlo contro la Juventus, sta migliorando per cui spero che possa tornare ad allenarsi presto con noi".

Il meglio della Serie A

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky