Juve-Milan, Sarri: "Qualificazione ancora apertissima, i nostri obiettivi passano da CR7"

Coppa Italia

L'allenatore bianconero parla in esclusiva ai microfoni di Sky in vista del match di Coppa Italia contro i rossoneri: "Saranno competitivi nonostante le squalifiche. La qualificazione è ancora apertissima". Poi elogia Dybala: "Giocatore straordinario" e accarezza Pjanic: "Sta meglio ora rispetto a prima. Ci ho parlato molto". E su Ronaldo: "Sta bene, i nostri prossimi tre mesi passano da lui"

JUVE-MILAN LIVE

La Juventus torna in campo, oltre tre mesi dopo l'ultima volta. Tanto è passato da quell'8 marzo, quando la squadra di Sarri ha battuto allo Stadium l'Inter prima dello stop per coronavirus. Ora un'altra partita in casa e un'altra milanese davanti. Dal nerazzurro al rossonero, dai ragazzi di Conte al Milan, che tenterà l'impresa. Si riparte dall'1-1 di San Siro dello scorso 13 febbraio: "Abbiamo la fortuna di giocare per tre obiettivi e di poterlo fare separatamente l'uno dall'altro - ha spiegato Maurizio Sarri in diretta con Sky Sport - questo ci consente di focalizzare le motivazioni su un obiettivo per volta e può essere un qualcosa di importante e vantaggioso". All'andata fu grande sofferenza, con Ronaldo a rimontare su calcio di rigore il vantaggio iniziale di Rebic: "Con il Milan quest'anno per noi sono state tutte partite difficili - spiega l'allenatore bianconero - sia in campionato che in coppa. Si tratta di un avversario che ci crea delle difficoltà e  il risultato dell'andata non ci garantisce niente". I rossoneri tuttavia dovranno fare a meno di Ibra e degli squalificati Theo Hernandez e Castillejo: "Ma tutto lascia pensare che giocheranno con un undici competitivo. E' una partita dal risultato ancora apertissimo", ribadisce Sarri.

"Pronti? Impossibile dirlo"

Tanti i dubbi, non potrebbe essere altrimenti dopo un periodo così particolare. Juventus e Milan saranno le prime squadre a scendere in campo e a dare delle risposte: "Se siamo pronti ce lo dirà il campo - ha spiegato Sarri - penso che nessuno possa sapere a che punto è. Per diversi motivi. Il primo è perché veniamo da un'interruzione anomala. In estate i giocatori stanno fermi 30 giorni e lo fanno in modo attivo, facendo nuoto o tennis per esempio. Questa volta l'interruzione è stata passiva. I ragazzi sono stati sul divano e si sono allenati a casa. Non possiamo avere certezze, vista anche la mancanza di amichevoli. Posso essere soddisfatto per quanto visto in allenamento, ma poi il riscontro in partita sarà diverso". La speranza è di poter contare su una rosa ampia: "Che ad oggi purtroppo abbiamo avuto più sulla carta che in campo - ricorda Sarri - ci sono stati tre o quattro infortuni lunghi, come quelli di Chiellini, Demiral e Khedira, oltre agli stop di Rabiot e Ramsey".

"I nostri obiettivi passano da CR7"

Non potrà che essere fondamentale anche l'impiego di Cristiano Ronaldo in questo intensissimo finale di stagione: "Come l'ho ritrovato? Fisicamente sta abbastanza bene, chiaro che anche a lui mancano le partite, la sensazione del campo. Ha fatto un buon lavoro in allenamento e la sensazione è che la gamba risponda bene. È un aspetto positivo perché il nostro futuro, e i nostri tre obiettivi stagionali, passano da lui". 

"Dybala fenomenale. Ho parlato con Pjanic"

Con il Milan ci sarà sicuramente Paulo Dybala: "Un giocatore fenomenale - ribadisce Sarri, chiamato a ristudiare come farlo convivere con Ronaldo - la nostra difficoltà dal punto di vista tattico è solo quella di far giocare insieme due giocatori così atipici. Possono fare la differenza in qualunque azione, però è chiaro che non sia facile farli coesistere. C'è il rischio di avere l'area avversaria un po' vuota, ma è una difficoltà piacevole". Chi probabilmente partirà dalla panchina, è Pjanic: "L'ho trovato molto meglio di quando abbiamo interrotto la stagione - afferma l'allenatore bianconero - ho parlato molto con lui, è un giocatore straordinario. Non si può permettere di avere 4 o 5 gare sotto livello come ha avuto. E lui è d'accordo con me. E' andato in difficoltà mentale dopo un paio di partite storte. Ma si deve convincere che è un grande giocatore. Anche i grandi possono sbagliare, ma lo fanno una volta o due. Poi rialzano la testa".

"Per lo scudetto c'è anche l'Inter"

La Juve si appresta a vivere la volata finale di una stagione lunghissima. In campionato è prima, subito dopo ecco la Lazio. Più staccata l'Inter, ma niente affatto spacciata: "Con 13 gare da giocare bisogna considerare anche i nerazzurri - sottolinea Sarri - questo sarà un inizio con tante incognite, perdere punti può essere facilissimo". infine la Champions, con il Lione - avversaro dei bianconeri - che non tornerà in campo dato che in Francia il calcio è stato definitivamente fermato . Di qui le feroci polemiche di Aulas, preoccupato di arrivare a Torino per il ritorno degli ottavi con un deficit di preparazione troppo ampio: "Ma è meglio giocare una partita dopo 5 mesi o farlo dopo 14 gare in 40 giorni? - si chiede Sarri - una lunga inattività si paga, ma se si giocassero tre partite nel giro di una settimana. In un match secco, no".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche