Coppa Italia, Benitez: "Napoli? Battere la Juventus ha un sapore speciale"

Coppa Italia

L'allenatore, che a Napoli ha vinto una Coppa Italia e una Supercoppa, ha parlato al Corriere dello Sport: "Per il mio passato e per quello che provo, sto con gli azzurri. Quella vittoria a Doha fu speciale e battere la Juve, per i napoletani, dà sempre un sapore particolare. De Laurentiis? Ci sentiamo spesso, a gennaio abbiamo parlato di uno scambio Carrasco-Lozano"

NAPOLI-JUVE LIVE

Ora guida il Dalian in Cina, ma Rafa Benitez ha vissuto anni importanti anche in Italia. Prima all'Inter, dove fu esonerato dopo qualche mese dopo aver vinto però una Supercoppa Italiana e un Mondiale per club, e poi al Napoli. Gli ultimi due trofei vinti dagli azzurri portano la sua firma: la Coppa Italia del 2014 (3-1 in finale alla Fiorentina) e la successiva Supercoppa vinta ai rigori contro la Juventus. Proprio i bianconeri sfideranno il Napoli nella finale di Coppa Italia 2020, che assegna il primo trofeo post-Covid. E Benitez vivrà questa sfida tifando per la sua ex squadra: "Per il mio passato e per i miei sentimenti, sto con il Napoli – le sue parole al Corriere dello Sport – Ho grande rispetto per la Juventus, un club che ha una storia indiscutibile, ma i miei due anni partenopei restano indimenticabili. La città è meravigliosa e bellissima, il pubblico eccezionale e caldo come pochi: spero che il destino sia con loro". Dopo la vittoria contro la Fiorentina in Coppa Italia ci fu quella in Supercoppa contro la Juventus a Doha: "Quella dà una dimensione più ampia e poi quel successo lo celebrammo su un palcoscenico internazionale. Dal punto di vista tecnico, penso che giocammo una grande partita contro la Fiorentina all'Olimpico. Dal punto di vista ambientale e mediatico, visto che eravamo in prossimità del Natale, fu più fashion la vittoria in Qatar anche perché ci fu il pathos dei rigori. Ci furono tutti gli ingredienti per arricchire quella notte e poi, per i napoletani, battere la Juventus dà un sapore particolare".

"ADL? L'ho sentito a gennaio per uno scambio Carrasco-Lozano"

Sfida tra grandi campioni: CR7 contro Mertens, Dybala contro Insigne. "Le partite non sono sfide personali, però è chiaro che chi ha talento ha maggiori possibilità di incidere nella gara. Ci sono personaggi di qualità ovunque, faccio fatica a sceglierne uno e non riesco a sbilanciarmi". Alcuni di questi Benitez li ha allenati e avrebbe potuto guidare anche Lozano in Cina, dopo averne parlato con De Laurentiis a gennaio: "Siamo rimasti in contatto e spesso capita di parlarsi, si avverte stima reciproca. All'epoca ci furono divergenze, ma niente di clamoroso. Abbiamo parlato anche a gennaio, in occasione dell'ultimo mercato, perché poteva profilarsi uno scambio tra Lozano e Carrasco".  

CALCIO: SCELTI PER TE