Mancini dopo Italia-Inghilterra: "Questa vittoria sembrava impossibile anche da pensare"

Europei

Il Ct azzurro dopo il trionfo agli Europei: "Questo successo era impossibile anche da pensare, ma i ragazzi sono stati fantastici. La squadra è cresciuta tantissimo e può migliorare ancora, sono felice per tutti gli italiani. Tra me e Vialli c'è un'amicizia speciale, per noi si è chiuso un cerchio a Wembley"

GUARDA GLI HIGHLIGHTS - ITALIA CAMPIONE, LO SPECIALE

Dalla delusione per la mancata qualificazione ai Mondiali al titolo di campioni d'Europa. A Roberto Mancini sono bastati poco meno di tre anni per cambiare la storia, per regalare all'Italia un altro grande trionfo a 15 anni di distanza dal Mondiale vinto in Germania con Lippi e a 53 dagli ultimi Europei. Il Ct ci ha sempre creduto, sin dall'inizio, e ha condotto questa fantastica Nazionale al successo: "Era impossibile anche da pensare, ma i ragazzi sono stati straordinari. Non ho parole per loro, un gruppo fantastico – le sue parole a Sky Sport - Non c'è stata una partita facile, sono state tutte difficili. La finale era diventata difficilissima, ma poi l'abbiamo dominata. Ai rigori serve anche un po' di fortuna, alla fine mi dispiace anche un po' per gli inglesi. La squadra è cresciuta tantissima e credo possa migliorare ancora. È stato un Europeo faticosissimo, sono felice per tutti gli italiani".  

"Con Vialli amicizia speciale, si è chiuso un cerchio a Wembley"

approfondimento

Trionfo azzurro a Wembley, la premiazione. VIDEO

Wembley fu teatro di una sconfitta dolorosa nel 1992 per Mancini, che con la Sampdoria perse la finale di Coppa dei Campioni contro il Barcellona. E ben 29 anni dopo, il Ct azzurro, si è preso una fantastica rivincita insieme all'amico di sempre, Gianluca Vialli: "La nostra è un'amicizia che va al di là di tutto, come quella Sampdoria. Fummo sfortunati allora, ma ora si è chiuso un cerchio. I ragazzi sono stati incredibili e anche l'amicizia che si è creata tra di loro ha fatto sì che arrivasse questo successo". Un pensiero anche per 'Billy' Costacurta, l'uomo che ha voluto Roberto Mancini alla guida della Nazionale: "Ricordo ancora il giorno in cui vennero a casa a parlarmi, per fortuna è andato tutto bene", ha concluso il Ct.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche