Svezia, giocatori rinunciano allo stipendio per aiutare il calcio femminile

Calcio femminile

Bel gesto dei giocatori svedesi di Prima e Seconda Divisione, che hanno deciso di rinunciare a parte dei loro introiti per aiutare le colleghe che attraversano un momento di crisi a causa della pandemia

I calciatori che aiutano le colleghe calciatrici: un bel gesto di solidarietà, in tempo di pandemia. A dare l’esempio è la Svezia, dove i giocatori di Prima e Seconda Divisione hanno deciso di rinunciare a metà delle entrate che percepiscono dalla Federazione per aiutare il calcio femminile, in crisi a causa dell’emergenza coronavirus, pagando parte degli stipendi delle giocatrici.

L'importanza del calcio femminile in Svezia

A dare la notizia è stato Karl Erik Nilsson, presidente della Federcalcio svedese, annunciando che sono stati raccolti 490mila euro, utilissimi a dare un po’ di respiro al movimento. Un’iniziativa senza precedenti, come riporta Mundo Deportivo, che nasce in un Paese in cui il calcio femminile è sviluppatissimo, con un campionato molto seguito e una nazionale che rappresenta una bella realtà (Svezia terza ai Mondiali del 2019, battuta in semifinale dall’Olanda che aveva eliminato anche l’Italia). Un movimento che però adesso risente della crisi economica, complice la chiusura delle regioni delle grandi città svedesi dopo che, nelle ultime settimane, il numero dei contagi è raddoppiato.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.