user
23 aprile 2018

Serie C, crollo del Catania al Cibali: il Trapani vince 2-1

print-icon
luc

Cristiano Lucarelli, allenatore del Catania (foto LaPresse)

Nel posticipo della 36esima giornata di Serie C (girone C) il Trapani si impone 2-1 al Massimino. Reti di Palumbo e Marras, inutile il gol su rigore di Lodi. Con questo successo Calori aggancia Lucarelli al secondo posto a quota 67, a -4 dal Lecce capolista. Ai pugliesi basterà battere la Paganese per essere promossi in Serie B

SERIE C, LA CLASSIFICA

PADOVA PROMOSSO IN SERIE B

CATANIA-TRAPANI 1-2

54' Palumbo (T), 93' Marras (T), 95' rig. Lodi (C)

 

PRIMO TEMPO

La città di Catania ha risposto alla grande a questo big match: allo stadio Angelo Massimino presenti 18.711 spettatori, tra cui 300 tifosi del Trapani. Il Catania gestisce il gioco, ma la prima buona occasione è per il Trapani. Al 12’ Murano sfiora il vantaggio con un colpo di testa ravvicinato, respinto da Pisseri con un riflesso straordinario. La squadra di Lucarelli si salva. Il Catania risponde al 25’ con un altro colpo di testa. L’azione nasce dal piede fatato di Francesco Lodi, che crossa dalla bandierina con il sinistro e trova al centro la testa di Blondett. La deviazione del difensore non inquadra però la porta. Il Catania fa la partita, ma è il Trapani a rendersi nuovamente pericoloso al 28' con un tiro da fuori area di Palumbo. La respinta di Pisseri non è perfetta, ma è efficace quanto basta per deviare il pallone. Nuova occasione per la squadra di Calori al 31' con Murano: tiro a botta sicura dell'attaccante granata, respinta in corner da Bogdan con un intervento provvidenziale. Schema interessante del Catania al 39’. Tutto parte ancora una volta dai piedi di Lodi. Calcio di punizione dai trenta metri, cross morbido in area di rigore e colpo di testa di Marchese. Il pallone termina fuori, ma la squadra rossazzurra inizia ad aumentare la pressione. Il Trapani risponde con un sinistro dalla distanza di Marras, il pallone rimbalza davanti alla porta di Pisseri ma termina fuori.

 

SECONDO TEMPO

La ripresa inizia con una buona occasione per il Catania. Marchese e Lodi si invertono i ruoli al 3': il primo crossa, il secondo colpisce di testa ma manda a lato. Sembra la scossa per il Catania, e invece il Trapani trova il vantaggio al 54' con un'azione solitaria molto bella di Palumbo. Il centrocampista granata calcia, Pisseri respinge, ma sul secondo tentativo il portiere del Catania non può nulla. I rossazzurri reagiscono subito e sfiorano il gol con Manneh, è bravo Furlan a salvare con un super intervento. Il Catania spinge forte e al 61' va nuovamente vicino al pareggio: cross dalla destra di Russotto, Curiale colpisce di testa, altr grande intervento di Furlan. Catania sfortunato al 74': Russotto calcia dalla distanza, il tiro si stampa sul palo. Altro grande intervento di Furlan al 79': tiro potente di Barisic, ma il portiere del Trapani si supera e respinge il diagonale. Gol sbagliato, gol subito: il Trapani trova il raddoppio con Marras al 93'. Il Catania accorcia con un rigore realizzato da Lodi al 95', ma non c'è più tempo. Il Trapani chiude il match in 10 uomini per l'espulsione di Evacuo, ma festeggia una vittoria presiosissima che vale il secondo posto a 67 punti con il Catania. Il Lecce ha un vantaggio di 4 punti su entrambe le siciliane a 2 giornate dalla fine.

 

COSI' IN CAMPO

Catania (4-3-3): Pisseri; Blondett, Aya, Bogdan, Marchese; Lodi, Biagianti, Mazzarani; Barisic, Curiale, Manneh.

Trapani (3-5-2): Furlan; Fazio, Pagliarulo, Drudi; Marras, Scarsella, Corapi, Palumbo, Bastoni; Evacuo, Murano.

TUTTI I VIDEO CURIOSI

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi