Rivaldo: "Barcellona, la Masia ha deluso negli ultimi anni ma il club deve continuare a puntare su di loro"

Liga

L'ex attaccante blaugrana critica gli ultimi anni di gestione del club: "Si parla tanto di Masia, ma nelle ultime stagioni sono usciti pochissimi giocatori di qualità. La società, tuttavia, deve continuare a puntare sui suoi talenti e non comprare all'estero"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

RIVALDO: "OGGI SAREI IO IL MIGLIORE AL MONDO"

Mes que un club. La filosofia del Barcellona ha suscitato per decenni apprezzamenti e anche un po’ di invidia in tutto il mondo. Tradizione, valori, identità che ne hanno fatto un modello virtuoso in tutto il mondo e ha permesso di sfornare una quantità di talenti impressionante, in grado poi di raccogliere fortune tra i blaugrana o altrove. C’è, però, chi non la pensa esattamente così e crede che la Cantera del Barça sia stata sopravvalutata nelle ultime stagioni perché quasi nessuno dei giocatori prodotti dalle giovanili abbia alla fine mostrato qualità da top club. E a rilasciare questo pensiero è uno che nella squadra catalana ha giocato per ben cinque anni, vincendo anche un Pallone d’oro: Rivaldo. “Si parla sempre di Xavi, Iniesta e Puyol, ma hanno lasciato il club ormai da un po’ – ha dichiarato il brasiliano a Betfair -. Da allora non abbiamo ammirato più nessun altro giocatore di qualità proveniente dalla Masía”. Nonostante quest’abbassamento di livello, comunque, l’ex attaccante verdeoro è convinto che la società deve continuare a puntare sui giovani talenti prodotti in casa e critica il recente acquisto di Murillo e i potenziali arrivi di Rabiot e de Jong: “Il Barça non dovrebbe rinforzarsi con giocatori presi dall’estero – ha spiegato -, perché ha una struttura eccellente e dovrebbe pensare a far crescere nuovi talenti”.

Rivaldo forse ha dimenticato la presenza attuale in squadra di canterani come Piqué e Busquets, o lo stesso Messi, argentino di nascita ma cresciuto nella Masia, o i meno chiacchierati Sergi Roberto e Rafinha. O probabilmente non li ritiene all’altezza di una società come il Barcellona. “Non credo che voglia lasciare davvero il Barça – ha concluso alla fine il brasiliano parlando del futuro di Valverde -. I risultati determineranno il suo futuro e se fallisce ancora in Champions League si inizierà di nuovo a dubitare di lui. Parlarne ora, tuttavia, non ha senso”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport