Mondiali 2018 Russia, Spagna: problemi al ginocchio per Piqué

Mondiali
Pique_Spagna_Getty

Il difensore spagnolo ha lasciato anzitempo l'allenamento per un fastidio al ginocchio, da ambienti vicini alla Federazione però filtra ottimismo: non dovrebbe trattarsi di nulla di grave. Difficile invece il recupero di Carvajal

ARGENTINA, NO A PEROTTI: PEREZ AL POSTO DI LANZINI

MONDIALI 2018, IL CALENDARIO

Un esordio Mondiale che si avvicina sempre più e una notizia che preoccupa la Spagna e i suoi tifosi. Gerard Piqué, difensore del Barcellona e punto fermo della Nazionale allenata da Julen Lopetegui, ha lasciato anzitempo l'allenamento mattutino che la squadra stava svolgendo nel centro sportivo di Krasnodar, nel sud della Russia, a pochi giorni dall'esordio di venerdì a Sochi contro il Portogallo. Il difensore ha riportato un fastidio al ginocchio al termine di un'azione personale e ha raggiunto subito gli spogliatoi a scopo cautelativo: la situazione fisica di Piqué verrà monitorata nei prossimi giorni, in modo da preservare il difensore da ulteriori eventuali problemi. Da ambienti vicini alla Federazione spagnola comunque arrivano segnali incoraggianti in merito alle sue condizioni: secondo quanto trapela, infatti, il problema riportato dal difensore del Barcellona sarebbe di poco conto. Chi invece è a rischio per la partita con il Portogallo è Carvajal, terzino del Real Madrid, che sta provando a smaltire l'infortunio muscolare rimediato nella finale di Champions League vinta a Kiev contro il Liverpool: difficile il suo recupero per la gara d'esordio al Mondiale.

Allenamenti 'roventi' per la Spagna

In attesa di capire se Piquè sarà in campo, come sembra, o meno contro il Portogallo, la Spagna continua nella sua marcia di avvicinamento al Mondiale. Su precisa scelta di Julen Lopetegui, la squadra si sta allenando a Krasnodar, nel sud della Russia: allenamenti a 30 gradi per acclimatarsi alle temperature che i giocatori troveranno in campo nelle gare della fase a giorni del mondiale. Una scelta opposta rispetto a quattro anni fa, quando l'allora Commissario tecnico Vicente Del Bosque, scelse come quartier generale Coritiba, località nettamente più fresca rispetto a quelle dove disputarono le 3 gare che costarono l'uscita prematura degli spagnoli dal Mondiale. Sull'argomento si è espresso Rodrigo Moreno, calciatore della Spagna: "Sono fattori che possono avere una certa incidenza nel risultato ma, come sempre, se si vince non succede nulla mentre se perdi i particolari saltano all'occhio", ha ammesso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche