Mondiali 2018 Russia, 10 falli subiti da Neymar contro la Svizzera: è già record in quest'edizione

Mondiali

L'attaccante brasiliano, nella gara d'esordio dei suoi contro la Svizzera, ha passato più tempo per terra che in piedi viste le numerose scorrettezze subite. L'ultimo a incassare così tante punizioni era stato Alan Shearer nel 1998

MONDIALI, CALENDARIO E GIRONI

ARRIVA IL SUPERMONDIALE! ECCO COME PARTECIPARE E VINCERE

Neymar non ha vissuto contro la Svizzera l'esordio che ci si aspettava. La stella brasiliana, dopo essere tornata in campo alla grande a tre mesi dall'infortunio - arricchendo le belle prestazioni in amichevole contro Austria e Croazia con due gol di ottima fattura -, non è riuscito a essere incisivo contro gli elvetici e la Seleçao si è dovuta accontentare di un pareggio. Petkovic ha costruito una tattica molto semplice per arginare lo strapotere dell'attaccante del Psg: visto che fermarlo è quasi impossibile, meglio non farlo passare e buttarlo a terra, concedendo solo una semplice punizione. O'Ney è stato infatti vittima di scorrettezze avversarie in ben 10 occasioni che rappresentano già un record per quest'edizione del Mondiale. Il nigeriano Etebo aveva finora stabilito questo primato con 8 falli subiti contro la Croazia, ma è bastata una sola presenza al numero 10 verdeoro per salire sul trono di questa speciale e non invidiabile classifica. Per trovare un calciatore più maltrattato in una Coppa del Mondo bisogna andare indietro di 20 anni e precisamente a Francia 98 quando, nel corso della sfida tra Tunisia e Inghilterra (Nazionali che curiosamente si riaffronteranno oggi), il centravanti Alan Shearer fu fermato irregolarmente 11 volte nel tentativo di non fargli fare gol. Lo stesso obiettivo è riuscito anche agli svizzeri che hanno permesso a Neymar di tirare in una sola occasione verso lo specchio della porta occupato da Sommer, mentre ben 7 sono i calciatori di Petkovic autori di almeno un fallo ai danni dell'esterno 26enne, con Lichtsteiner, Behrami e Schar che hanno anche incassato un cartellino giallo. L'attaccante verdeoro, già "perseguitato" durante tutta la stagione di Ligue 1 e appena rientrato da un infortunio alla caviglia, si è lamentato più di una volta per il trattamento ricevuto con l'arbitro messicano Ramos, un po' come tutta la Seleçao - compreso Tite - secondo cui il pari di Zuber è nato dall'ennesimo fallo della partita. La tattica elvetica, per quanto scorretta sul piano etico, ha avuto gli effetti sperati e se verrà emulata anche dagli altri avversari del Brasile, a Neymar toccherà trovare una soluzione per evitare di passare il maggior tempo del Mondiale a terra e non in piedi a fare giocate e sfornare assist e gol.

La stampa brasiliana lo attacca

In patria, la partita di Neymar è entrata immediatamente nel mirino della stampa brasiliana, che non ha risparmiato commenti provocatori e duri nei confronti della propria stella, nonostante il record di gol subiti. "Non ha fatto una partita accettabile e meritava di essere sostituito" ha scritto Arnaldo Ribeiro di ESPN Brasil. L'ex giocatore Zé Elias: "Era egoista in campo ed è per questo che ha ricevuto tanti falli". Osvaldo Pascoal di Fox Sports Brasil: "Il modo in cui ha giocato? Da calciatore volgare".

I più letti