Walker, festino organizzato durante la quarantena: le sue scuse e la reazione del Man City

Premier League

Kyle Walker, pizzicato da un tabloid a organizzare un festino in pieno lockdown, si è scusato pubblicamente per il suo comportamento: "Devo essere un modello, sono andato contro il messaggio di stare al sicuro". Dura presa di posizione del Manchester City: "Siamo delusi, in arrivo provvedimenti disciplinari"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Kyle Walker si è scusato pubblicamente per aver violato le norme di lockdown e distanziamento sociale imposte dal governo inglese a causa dell'emergenza coronavirus. Il terzino del Manchester City e della Nazionale inglese, infatti, era stato pizzicato dal tabloid 'The Sun' a organizzare un festino nella sua abitazione. Secondo il tabloid, due ragazze erano arrivate a casa Walker nella notte tra martedì 31 marzo e mercoledì 1° aprile. Il difensore 29enne ha diffuso una nota in cui si scusa pubblicamente per l'accaduto: "Voglio scusarmi pubblicamente per quanto fatto la scorsa settimana e per le cose che sono apparse su un tabloid che riguardano la mia vita privata - si legge -. Capisco che il mio ruolo pubblico di calciatore professionista mi imponga la responsabilità di essere un modello per gli altri. Voglio scusarmi con la mia famiglia, gli amici, il club e i tifosi per essere venuto meno a questa condizione. Ci sono degli eroi che stanno facendo la differenza, salvando vite e facendo enormi sacrifici: la scorsa settimana avevo evidenziato le loro grandi azioni. Al contrario, con le mie azioni sono andato in senso opposto al messaggio di state a casa, state al sicuro".

Manchester City: "Delusi, in arrivo procedura disciplinare"

Il fatto non è passato inosservato in casa Manchester City, club per cui Walker gioca dal 2017. I 'Citizens' hanno rilasciato un comunicato al proposito: "Siamo venuti a conoscenza da quanto fatto da Kyle Walker, che ha violato il blocco in vigore nel Regno Unito e non ha rispettato le regole di distanziamento sociale - si legge in una nota -. I calciatori sono dei modelli. I nostri giocatori e il nostro staff stanno collaborando per supportare gli incredibili sforzi del nostro sistema sanitario e degli altri lavoratori nella lotta contro il coronavirus. Le azioni di Kyle vanno nella direzione contraria di questi sforzi. Siamo delusi da questo comportamento e pur prendendo atto delle scuse di Kyle, porteremo avanti una procedura disciplinare interna nei prossimi giorni". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche