Manchester City, Walker confessa: "Troppo Fortnite in quarantena"

Premier League
©Getty

L'esterno inglese ha scherzato sui suoi passatempi in tempi di coronavirus: "Gioco molto a Fortnite, probabilmente più di quanto dovrei". Poi qualche aneddoto dietro le quinte del City: "Abbiamo una chat di gruppo in cui regna la follia. Guardiola? No, lui non c'è!"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Anche Kyle Walker è alle prese con il "blocco" imposto dal coronavirus. Il calcio è attualmente sospeso a causa della pandemia e l'ultima partita giocata dall'esterno del Manchester City risale allo scorso 1 marzo contro l'Aston Villa. Poi più niente, nemmeno gli allenamenti. Necessario trovare un passatempo e il calciatore inglese non ci ha messo molto: "Sto giocando molto a Fortnite, lo sto facendo anche adesso - ha scherzato in esclusiva con Espn - mi sta prendendo davvero molto tempo, probabilmente più di quanto dovrebbe. Però ne sto raccogliendo i benefici perché sto diventando quasi decente ora (ride ndr), ma devo pensare di smetterla". Non è l'unico giocatore che va pazzo per il videogioco prodotto da Epic Games e People Can Fly. Oltre a lui anche Griezmann e molti altri. Chissà quante partite online in questi giorni dove non è possibile scendere in campo: "È stato difficile da accettare, ma prima di tutto dobbiamo pensare alla salute delle altre persone e alla protezione degli anziani e dei membri della famiglia che possono essere contagiati pericolosamente - ha continuato Walker - per un calciatore, abituato ad una certa routine, è dura stare fermo. Ma dobbiamo ingoiare il rospo e pensare agli altri". 

La chat di gruppo senza Guardiola

Walker intanto si diverte con i suoi tre figli, insieme ai quali gioca nel giardino di casa. Gli manca tuttavia il battibecco all'interno dello spogliatoio, anche se la tecnologia riesce a mettere tutti in contatto nonostante la distanza: "Abbiamo utilizzato HouseParty un paio di volte e  abbiamo potuto scherzare fra compagni - ha svelato - abbiamo una chat dove si scatena sempre una sorta di  follia. Guardiola? No, lui non c'è nel gruppo!", ha scherzato. Ovviamente l'allenatore catalano non ha lasciato niente al caso: "A noi calciatori sono state fornite le attrezzature da palestra, compreso le bici e i programmi che lo staff tecnico ha stilato per assicurarsi di avere una squadra al top quando - incrociamo le dita - potrà iniziare nuovamente la stagione". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche