Everton, Ancelotti: "Voglio portare avanti questo progetto a lungo"

Premier League

L'allenatore dell'Everton a Sky Sport: "Mi sento parte di questo progetto e mi piacerebbe portarlo avanti per lungo tempo. È stata una stagione strana, ma il bilancio è positivo. Mercato? Nessuna rivoluzione, ma miglioreremo la squadra"

Premier League arrivata a 90’ dal termine, spazio ai bilanci e idee chiare sul futuro. Carlo Ancelotti non ha dubbi sulla volontà di proseguire la sua avventura alla guida dell’Everton. "Mi sento parte di questo progetto che per me è iniziato a dicembre e che spero continui a lungo, non ho mai avuto esperienze lunghissime nella mia carriera, mi piacerebbe poterlo fare qui: il Liverpool per arrivare al top ha impiegato 5 anni, l’Everton ha l’idea di costruire il nuovo stadio, ha l’ambizione di lottare per conquistare un posto in Europa. Mi piacerebbe fare parte di questo progetto a lungo", le parole dell’allenatore italiano a Sky Sport. "Essere apprezzato fa molto piacere e dà moltissima motivazione, ma allo stesso tempo ti dà anche molta responsabilità: sei apprezzato per quello che hai fatto, ma ti piacerebbe essere apprezzato per quello che andrai a fare. Questo è un po’ il mio obiettivo. Certamente farlo per delle persone che apprezzano quello che fai, che apprezzano come sei, è molto più stimolante", ha proseguito Ancelotti.

Ancelotti: "Stagione strana, ma bilancio positivo"

leggi anche

Premier 2020/2021, si parte il 12 settembre

Undicesimo posto a quota 49 punti per l’Everton, ora la sfida conclusiva di Premier contro il Bournemouth. "Il bilancio è positivo, è stata una stagione molto particolare: sono arrivato qui nel periodo natalizio con la squadra in difficoltà, poi c’è stata la pandemia. Tra gli aspetti positivi c’è la grande accoglienza che mi hanno riservato i tifosi, poi devo dire che ho trovato un club molto organizzato, con delle bellissime strutture e con un campo di allenamento favoloso", le parole di Ancelotti. Che si proietta già alla prossima stagione: "L’ambizione del club è di migliorare e una volta finita la stagione vedremo il mercato, che durerà fino al 5 ottobre; ci sarà tutto il tempo necessario per migliorare la squadra. Non ci sarà una rivoluzione, ma sicuramente un’evoluzione della squadra", ha concluso il manager dell’Everton.