Troppi casi Covid, saltano anche Leicester-Tottenham e Manchester United-Brighton

Premier League
©IPA/Fotogramma

I casi Covid nelle fila delle due squadre hanno portato al rinvio della partita, valida per la 17^ giornata di Premier League. Per il gruppo allenato da Antonio Conte si tratta della terza partita di fila posticipata a causa dei contagi. Annunciato anche il posticipo di Manchester United-Brighton, in programma sabato

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN TEMPO REALE

Altri rinvii in Premier League. Nella 17^ giornata non si giocherà nemmeno Leicester-Tottenham, originariamente in calendario giovedì 16 dicembre alle 20:30, è stata rinviata a causa delle 13 positività al Covid registrate nel gruppo squadra degli Spurs. Per la formazione allenata da Antonio Conte si tratta del terzo rinvio consecutivo, tutti legati ai contagi da coronavirus: il Tottenham non è sceso in campo giovedì 9 dicembre contro il Rennes di Conference League, partita che l'Uefa ha poi stabilito di non far recuperare (la squadra londinese rischia di perdere a tavolino 3-0) e domenica 12 dicembre in campionato contro il Brighton

Secondo rinvio per lo United

leggi anche

Aubameyang messo fuori rosa: "Violato regolamento"

Il Covid inciderà anche sul prossimo weekend: è stata infatti rinviata anche la sfida tra Manchester United e Brighton, in calendario sabato 18 dicembre alle 13:30 per la 18^ giornata di Premier League. Lo ha comunicato lo United in una nota ufficiale: "La salute dei giocatori e dello staff rappresenta la nostra priorità - si legge - considerato il numero di giocatori e personale di supporto costretti ad isolarsi a causa del Covid-19, il Club non ha avuto altra scelta che chiedere il posticipo della partita. Sospenderemo anchegli allenamenti nel centro sportivo di Carrington per un breve periodo".

Tre partite posticipate nella 17^ giornata

Anche il Leicester sta affrontando un focolaio Covid. "Nelle ultime ore sono state registrate altre positività al Covid nel gruppo squadra - spiega un comunicato diffuso dal club - di conseguenza, abbiamo a disposizione un numero insufficiente di giocatori della prima squadra per giocare la partita”.L'allenatore delle Foxes, Brendan Rodgers, mercoledì aveva spiegato di essere "deluso" dall'iniziale no della Premier di fronte alla richiesta di rinvio della partita, accolta qualche ora dopo. Una decisione che si somma in questo turno di campionato ai rinvii di Brentford-Manchester United e Burnley-Watford. Il Regno Unito è in questi giorni alle prese con la variante Omicron. Una situazione complessa, che ha portato la Premier a reintrodurre misure di emergenza che prevedono, tra gli altri accorgimenti, anche test Covid più frequenti.