Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
06 novembre 2016

Juve sempre più in testa. Milan, risolve Lapadula

print-icon
pja

Pjanic esulta per il gol su punizione che risolve il match contro il Chievo (foto Getty)

Bianconeri e rossoneri vincono con lo stesso risultato (2-1) su Chievo e Palermo. Con il 3-0 sul Sassuolo i bergamaschi sempre più rivelazione del campionato: basta il primo tempo per risolvere la pratica. Genoa e Udinese pareggiano 1-1

Vincono la Juventus e il Milan, e fin qui nessuna sorpresa. Stesso risultato, 2-1, per bianconeri e rossoneri contro avversari tosti che costringono le due big a sudare per i tre punti. Una magistrale punizione di Pjanic e un tacco di Lapadula risolvono i rispettivi match contro Chievo e Palermo. La Juve ora è a più 5 proprio sul Milan, in attesa del posticipo tra Roma e Bologna. Ma a stupire tutti è l'Atalanta di Gian Piero Gasperini: quinta vittoria in sei partite, quarta consecutiva. I bergamaschi segnano tre reti in 45 minuti al Sassuolo e volano al 5° posto superando il Napoli. A Genova l'Udinese costringe al pareggio (1-1) il Genoa.

Il match del Bentegodi non parte con i migliori auspici per la Juventus: Andrea Barzagli si infortuna al braccio e deve uscire in barella per una brutta caduta dopo un intervento in chiusura. La Juve attacca con costanza ma va davvero vicina al gol solo al 28' con Mandzukic, che spara alto da due passi. Il croato rimedia all'8' della ripresa portando in vantaggio la Juve con un diagonale che infila Sorrentino. Il Chievo tiene bene il campo e si butta in avanti. Al 20' l'ennesimo miracolo di Buffon salva su Hetemaj. Subito dopo Lichtsteineir sgambetta Hetemaj che si stava involando verso la porta: è rigore, realizza Pellissier. La gioia dura poco per il Chievo. A 15' dal 90esimo una magistrale punizione di Pjanic riporta definitivamente avanti la Juventus.

Le migliori occasioni del Milan passano in avvio di gara da un pimpante Bonaventura. Al 15' una sciagurata di Posavec lascia il pallone ai rossoneri: ne approfitta Suso che a porta vuota insacca. La reazione del Palermo non si fa attendere, e prosegue anche nella ripresa. Dal punto di vista dell'atteggiamento niente da dire per gli uomini di De Zerbi, a cuoi manca solo il gol. Il meritato pareggio arriva al 27' con il diagonale di Nestorovski propiziato da un filtrante di Diamanti. Dalla mezz'ora sale in cattedra Posavec: tre salvataggi miracolosi su Suso. Sembrava una porta maledetta, ma all'82' il primo gol di Lapadula in serie A: sua la magia di tacco che risolve il match.

Sembra che nessuno riesca a trovare le contromisure all'Atalanta di Gasperini. A Reggio Emilia dopo 25 minuti è 2-0 per i bergamaschi. Al 19' ci pensa ancora lui: il "Papu" Gomez, che dall'area piccola (in realtà in posizione di fuorigioco) colpisce a botta sicura e ribadisce in rete dopo la respinta di Consigli. Pochi minuti la bella girata al volo di Caldara indirizza la partita verso l'Atalanta. E' notte fonda per il Sassoulo che non riesce a reagire e prima dell'intervallo subisce anche il 3-0 da Conti, risultato che non cambierà fino al 90'.

A Genova è pareggio in un match equilibrato tra Genoa e Udinese. Avvio in salita per i padroni di casa, Thereau firma il quinto gol stagionale: al primo affondo passa l'Udinese con un piattone del francese ad altezza dischetto. E' Ocampos a raddizzarla quasi immediatamente con un colpo di testa dal secondo palo.