Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
20 novembre 2016

Mihajlovic: "Belotti moscio. Toro, voglio di più"

print-icon
Sinisa Mihajlovic - Torino

Per Sinisa Mihajlovic una grande partenza sulla panchina del Torino (Getty)

L'allenatore granata si gode la vittoria ("Meritata"), ma striglia i suoi: "Mi aspetto di più dalla mia squadra. Belotti l'ho strigliato nell'intervallo, aveva perso rabbia e cattiveria"

Una vittoria sofferta, arrivata solo nel finale. Belotti la apre e la chiude, una doppietta dell’attaccante basta per battere il Crotone allo Scida: Torino che vince ancora e vola in classifica, Mihajlovic può sorridere. “Penso che alla fine abbiamo vinto meritatamente, anche se abbiamo sofferto un po’ troppo. Sapevo che sarebbe stata una partita difficile, volevo fin dall’inizio più cattiveria e più intensità da parte dei miei giocatori e invece abbiamo fatto un possesso palla sterile. Alla fine è venuta fuori la nostra qualità”, ha commentato l’allenatore granata a fine gara, “anche se non possiamo sempre vincere 5-0 e dare spettacolo, mi aspetto di più dalla mia squadra. Dobbiamo tenere la tensione alta e concentrarsi sulla prossima gara per vincere anche quella”.

Felice, ma poco soddisfatto. Chiedeva di più Mihajlovic che analizza così la partita contro il Torino: “Avevamo troppa ansia di fare gol, dovevamo far girare palla più velocemente per trovare gli sbocchi giusti. Andavamo in verticale quando non era il momento giusto, sapevamo che sarebbe stata una partita difficile - prosegue l’allenatore del Torino - ma sapevo che era importante non subire gol perché alla lunga potevamo venire fuori. Con quella qualità davanti, prima o poi gol lo fai. Siamo stati bravi a sfruttare le occasioni che abbiamo avuto, è stata una vittoria meritata”.

Il Torino vola, in classifica e nei numeri. Ventinove gol segnati fin qui: “Ho sempre cercato di rendere le mie squadre aggressive, di avere una mentalità europea. Ho sempre giocato per vincere, poi quando hai giocatori così di qualità… fanno la fortuna degli allenatori. Avendo quei tre, oltre a Maxi Lopez, Martinez, Boye, un centrocampo di qualità… le occasioni arrivano. Oggi - continua Mihajlovic - non sono contento nonostante la vittoria, mi aspetto di più dalla mia squadra”.

Infine, un commento su Belotti: “Con lui mi sono arrabbiato all’intervallo, era moscio. Non deve perdere grinta e umiltà altrimenti diventa un giocatore normale. Non deve accontentarsi, ha tanti margini di miglioramento ma non deve mai mollare. Deve giocare sempre così come sta facendo, questo - conclude l’allenatore del Torino - gli ha permesso di arrivare in Nazionale e di ricevere tanti applausi. Nel calcio conta sempre l’ultima partita però, glielo ricordo sempre”.