Napoli, giorno speciale: visita al carcere Nisida

Serie A

Gli idoli dei tifosi Hamsik e Mertens e il nuovo acquisto Pavoletti hanno incontrato i detenuti del carcere minorile e visitato la struttura e i laboratori dove si insegnano i vari mestieri, assaggiando la pizza preparata dai giovani pizzaioli

Mattinata speciale per Hamsik, Mertens e Pavoletti a Napoli. I tre infatti hanno fatto visita al carcere minorile di Nisida insieme al ministro di Grazia e Giustizia Andrea Orlando. Hamsik, Mertens e il neoacquisto Pavoletti sono stati accolti da un caloroso entusiasmo, hanno incontrato i detenuti, hanno visionato la struttura e i laboratori dove si insegnano i vari mestieri, assaggiando le pizze preparate dai giovani pizzaioli reclusi nell'istituto penitenziario di Napoli e hanno contribuito in parte anche alla preparazione. In teatro poi hanno risposto a domande e curiosità e hanno ricevuto cori intonati da tutta la sala. Ad Hamsik, il capitano, hanno chiesto una grande prestazione contro il Real. Mertens invece ha risposto con un sorriso a chi gli chiedeva del rinnovo del contratto, facendo capire che per il momento la situazione non si è ancora sbloccata.

"Qui fanno la pizza con amore" - "Oggi ho visto Antonio ed Emanuele fare la pizza con amore, mettendoci il cuore e sono sicuro continueranno anche quando usciranno da qui". Così Dries Mertens ha commentato la visita. Con i compagni il belga ha visitato i laboratori di pizzeria, ceramica e pasticceria, dove i giovani apprendono dei mestieri da poter spendere una volta scontata la pena. Hamsik si è anche cimentato nella preparazione di una pizza margherita. I ragazzi detenuti al termine dell'incontro, nel teatro del carcere, hanno salutato i tre giocatori intonando il coro da stadio "Un giorno all'improvviso".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche