Torino, Avelar ko: infortunio all'adduttore

Serie A
danilo_avelar_torino_getty

La squadra di Mihajlovic, dopo l'incredibile 2-2 contro il Milan, proiettata alla trasferta di Bologna. L'allenatore granata dovrà fare a meno di Avelar: i controlli hanno evidenziato un problema all'adduttore

"Il problema non è di campo ma di testa, di personalità e di saper gestire certi momenti della partita”. Così avevamo lasciato Sinisa Mihajlovic, dopo il rocambolesco 2-2 di lunedì sera contro il Milan. L’allenatore granata infuriato e deluso dai suoi, ora va a caccia di una vittoria: la prima opportunità domenica al Dall’Ara di Bologna, quando però il Toro sarà costretto a fare a meno dello squalificato Belotti. Agli assenti si aggiunge anche Avelar, che sarà sicuramente out per un problema muscolare.

Punto infortunati - Allenamento pomeridiano tecnico-tattico per il Torino FC in Sisport. Ancora lavoro specifico per Castan e Molinaro. Gli esami strumentali cui è stato sottoposto Avelar hanno evidenziato una distrazione al muscolo lungo adduttore della coscia destra: i tempi di recupero verranno più correttamente stimati con il prossimo esame strumentale. Il Torino svolgerà nella giornata di sabato la seduta di rifinitura, cui seguiranno il pranzo e la partenza verso Bologna per il ritiro prepartita.


Mercato, tra Castro e Hiljemark - Mihajlovic intanto aspetta l’essenziale rinforzo per il centrocampo.  L’obiettivo principale è Lucas Castro del Chievo Verona, anche se la distanza tra Toro e i gialloblu è ancora notevole: l’offerta è di circa 5 milioni, mentre la richiesta si avvicina agli 8. Per questo motivo i granata sono piombati a sorpresa su Oscar Hiljemark del Palermo: il centrocampista svedese pronto a lasciare i rosanero, ma è cercato con insistenza anche da Roma e Dinamo Kiev. Il giocatore sembra comunque più propenso a scegliere l’opzione all’estero, dopo che l’avventura in Serie A gli ha dato finora ben poche soddisfazioni.

Come ripartire - Lo ha spiegato Mihajlovic in conferenza stampa, dopo la partita contro il Milan: “Come si risolve questa situazione? È una cosa difficile perché in certi momenti l'unico modo per portare a casa punti è gestire bene le situazioni, addormentare il gioco, prendere qualche fallo, restare concentrati e lucidi e non pensare solo a difendere la porta. Se una partita di calcio durasse 45 minuti forse saremmo primi in classifica”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche