Crotone, Nicola: "Mai smesso di crederci"

Serie A

Tanta soddisfazione nelle parole dell’allenatore del Crotone Davide Nicola dopo il successo della sua squadra contro l’Empoli: "Mai abbandonato le speranze di inseguire questo sogno. La prestazione con l’Empoli lo conferma"

Credere nella salvezza - Un urlo che da Crotone arriva a tutte le concorrenti per la salvezza, Empoli su tutte. "E’ una partita importante, bisogna sempre fare punti contro tutti, ma ci sono alcune gare come quella contro l’Empoli che, essendo uno scontro diretto, permetterebbero di ridurre lo svantaggio rispetto al quartultimo posto". Desiderio, quello di Davide Nicola alla vigilia del match, esaudito. Perché il 4-1 del Crotone sull’Empoli non solo accorcia la classifica (la distanza resta comunque importante), ma dà nuova convinzione e consapevolezza alla formazione calabrese che adesso crede ancora di più alla salvezza. "Non abbiamo mai abbandonato le speranze di inseguire questo sogno e la prestazione della squadra ha detto questo", le parole dell’allenatore del Crotone Davide Nicola. Decisamente soddisfatto per la prestazione messa in campo dalla sua squadra allo Scida.

L’analisi di Nicola - Speranze salvezza nuovamente alimentate dal successo sull’Empoli e, ancora di più, dall’ottima prestazione del Crotone. "Ce la metteremo tutta, ho visto una buonissima squadra per 35 minuti, poi – l’analisi di dell’allenatore rossoblù Davide Nicola – ci siamo abbassati troppo, non riuscivamo a uscire sui movimenti dell'Empoli e abbiamo subito un po’ il loro possesso palla, anche se abbiamo preso gol sull'unico tiro subito". Empoli cinico, esattamente come Nicola aveva previsto. Ma la reazione del Crotone è stata davvero importante: "Nel secondo tempo siamo riusciti ad alzare nuovamente il baricentro, siamo stati più lucidi e sereni. Per noi fare quattro gol non è usuale, siamo contenti anche di questo”, prosegue Nicola. Che poi conclude: "Abbiamo fatto quello che volevamo rimanendo lucidi, senza nervosismo. La differenza non l'ha fatta solo Falcinelli ma tutta la squadra. Abbiamo perso le distanze solo per pochi minuti nel primo tempo ma nel secondo non c’è stata partita".

I più letti