Inter, Pioli: "Non ci resta che vincerle tutte"

Serie A

L'allenatore nerazzurro si gode il 2-0 all'Empoli, arrivato dopo una settimana con tante polemiche: "Abbiamo giocato da grande squadra, nonostante le assenze importanti". Esordio per Pinamonti, attaccante classe 1999: "È stata una giornata perfetta"

“Abbiamo giocato da squadra nonostante assenze importanti. Il campionato è di altissimo livello, noi proveremo a vincerle tutte”. Dopo lo stop contro la Juventus e quello in Coppa contro la Lazio, l’Inter torna a sorridere, e con lei Stefano Pioli. L’allenatore nerazzurro soddisfatto dopo il 2-0 rifilato all’Empoli, che ha segnato l’ottava vittoria nelle ultime nove partite di Serie A: “Avendo a disposizione una rosa all'altezza è importante avere alla base concetti e atteggiamento giusto. Quest'anno le squadre davanti sanno correndo tutte, così come noi e l’Atalanta. Abbiamo fatto dei conti, vincendone 12 su 14 dovremmo andare in Champions se in queste 13 ci saranno gli scontri diretti. Sappiamo che non è facile, ma di impossibile non c'è nulla e noi ci proveremo”.

Palacio - L’argentino nervoso dopo la sostituzione: “Non mi ha dato fastidio - ha detto Pioli - è un ragazzo professionale. In questo momento tutti vogliono migliorare, lui ha creduto che si sarebbe potuto far meglio, era teso per il match. Non ha mancato di rispetto a nessuno, pensare alla squadra, e questo Rodrigo l'ha fatto. Voleva che verticalizzassimo un po' di più, ma avremo tempo per lavorarci. La sua non era una polemica personale, ma era rivolta allo sviluppo della squadra. La rabbia di Palacio deriva anche perchè in settimana abbiamo riguardato degli errori fatti con la Juventus e li abbiamo ripetuti oggi. Ci sta l'incazzatura, siamo uomini e lavoriamo per ottenere dei risultati”.

Crescita - “Ci sono squadre capaci per gestire il risultato, noi abbiamo delle caratteristiche ideali a far gol, anche se a volte ne va dell'equilibrio. Dal mio arrivo abbiamo sbagliato poco. In questa settimana abbiamo solo pensato a lavorare, ci siamo concentrati su ogni situazione. C'è la convinzione che il lavoro fatto ci porterà lontano. Abbiamo fatto un'ottima prestazione, anche se dovremo concedere qualcosa in meno. Sono felice della crescita di Kondogbia, è migliorato sulla condizione psico-fisica. Si è messo a disposizione con umiltà e sta raccogliendo i frutti del suo lavoro. Le qualità ci sono, può ancora migliorare su alcune situazioni, come l'irruenza che oggi ha pagato con un giallo pesante. Sapevamo che l'Empoli si difendeva in maniera strana e abbiamo battezzato delle zone da attaccare. I cross per noi sono situazioni importanti, a Torino abbiamo riempito poco l'area di rigore”, ha concluso Pioli.

Gioia Pinamonti - Esordio speciale contro l'Empoli anche per il giovane Pinamonti: "Il gol non lo chiedevo, anzi - ha detto a fine gara l'attaccante classe 1999 - Posso solo ringraziare Pioli e l'Inter per l'esordio di oggi. E' stata una giornata perfetta, ha vinto anche la Primavera contro la Roma e faccio i complimenti a tutti. Il futuro? Io adesso sto lavorando al massimo tutti i giorni, a queste cose pensa il mio procuratore, con la mia famiglia e la società. Ho imparato molto da tutti gli attaccanti, mi hanno insegnato già tante cose. Tutti mi hanno detto di giocare tranquillo, devo ringraziare tutti i miei compagni. Il mio modello? Mauro Icardi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche