Atalanta, allenamento mattutino verso il Napoli

Serie A
Gian_piero_gasperini_atalanta_getty

La formazione nerazzurra (senza quattro calciatori impegnati nello stage a Coverciano) si è ritrovata al centro sportivo di Zingonia per un'altra giornata di lavoro. Ancora differenziato per Bastoni e Melegoni, Gasperini: "Viviamo il presente senza pensare troppo al futuro"

Altra giornata di lavoro in casa Atalanta, questa mattina Gian Piero Gasperini ha ritrovato i suoi calciatori al centro sportivo Bortolotti di Zingonia per la seduta di allenamento programmato. L’importante e complicata sfida in programma sabato alle ore 18 al San Paolo si avvicina e i nerazzurri vogliono continuare nel loro momento magico e cercare così di ripetere la vittoria del girone di andata contro la formazione allenata da Maurizio Sarri. Il programma della giornata - si legge sul sito del club bergamasco - prevedeva esercizi di tecnica, tattica e partitella su campo ridotto. Per quanto riguarda la situazione degli infortunati Konko anche oggi ha svolto parte dell'allenamento in gruppo e parte da solo, mentre Bastoni e Melegoni - out anche ieri - hanno proseguito con i rispettivi programmi di lavoro differenziato. Assenti Caldara, Conti, Petagna e Spinazzola impegnati con la Nazionale per lo stage a Coverciano. Una nuova sessione di allenamento, sempre a Zingonia, è fissata per domani alle ore 15:00.

Le parole dell'allenatore -
Non solo campo, in attesa di tornare a giocare Gian Piero Gasperini a parlato ai microfoni di Radio Crc esprimendo così tutta la soddisfazione per quanto fatto finora (con la speranza di poter continuare su questa strada): "Mi aspettavo il Napoli così alto in classifica - ha detto l’allenatore - invece per noi è una novità. I miei ragazzi fin qui sono stati straordinari e meritano di giocarsi la partita in programma sabato in un ambiente importante come quello azzurro. Non abbiamo le ambiziosi del Napoli, ma sarà bello. Per me ogni volta è una sorpresa raggiungere certi traguardi, sarà importante però mantenerli fino a fine campionato perché possono valere davvero qualcosa. Questo è un momento decisivo per tutte le formazioni perché tra febbraio e marzo le partite valgono qualcosa in più siccome danno verdetti".

Sugli obiettivi - E ancora sulla squadra azzurra: "Per il Napoli non conterà molto la partita con l’Atalanta ma certamente di più quella col Real Madrid che è da dentro o fuori; poi ci saranno gli scontri con Roma e Juventus che valgono per la vetta della classifica. Noi non abbiamo la pressione che hanno altre squadre che concorrono per arrivare in Europa e non nascondiamo la nostra voglia, ma conosciamo il valore delle altre squadre e dovremo dimostrare di essere capaci a giocarcela fino in fondo. La cosa migliore è vivere il presente senza pensare troppo al futuro", ha concluso l'allenatore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche