Sampdoria, doppia seduta tra palestra e tattica

Serie A
allenamento_Sampdoria

Giampaolo ha guidato il suo gruppo in un'altra giornata di lavoro verso la gara contro il Palermo. Ancora differenziato per Alvarez, nel pomeriggio Bereszynski e Viviano sono stati sottoposti a lavoro specifico di scarico e fisioterapia

Doppia seduta verso il Palermo - Doppio allenamento per la Sampdoria che quest'oggi si è divisa tra palestra, esercizi di tattica e partitella. "Cielo grigio su Bogliasco" si legge sul sito ufficiale del club, pagare il programma contro il Palermo al Barbera si avvicina e Marco Giampaolo (insieme al suo staff) continua a guidare i calciatori blucerchiati nelle sessioni settimanali programmate. Come forma la stessa società genovese, in mattinata il calciatore si sono sottoposti ad esercizi divisi per reparti: forza in palestra e trasformazione tattica sul campo per Quagliarella, Muriel e compagni. Nel pomeriggio, poi, il gruppo si è ritrovata completo ed è stato impegnato sul prato superiore del centro sportivo Mugnaini in torelli e in partitelle a tema. Passando poi ad analizzare la situazione dei calciatori con qualche problema fisico, Ricky Alvarez - così come ieri - ha svolto ancora un programma individuale mentre nel pomeriggio Bartosz Bereszynski ed Emiliano Viviano sono stati rispettivamente sottoposti a lavoro specifico di scarico e di fisioterapia. Nel corso della giornata, inoltre, sono stati aggregati al gruppo della prima squadra anche sette ragazzi dell’Academy: Pietro Cavagnaro, Domenico Cuomo, Joao Claudio Gomes Ricciulli e Andrea Tessiore nella prima razione, Denis Baumgartner, Gergely Hutvagner e Michal Tomic nella seconda. Per la giornata di domani, giovedì, Marco Giampaolo ha fissato un allenamento pomeridiano.

Nicolini a Genova, sponda Samp? -
E chi potrebbe presto far parte dello staff blucerchiato è Enrico Nicolini. La storia è diventata nota a tutti dopo il suo rifiuto di seguire Andrea Mandorlini - con cui aveva lavorato sia in Romania sia a Verona - perché tifoso sampdoriano. Non sarebbe mai riuscito ad accettare la panchina del Genoa (nel ruolo di vice allenatore), troppo forte l’amore per l'altra squadra genovese. Così le strade di Nicolini e Mandorlini si sono separate ma la sua decisione presa con il cuore non è passata inosservata dalle parti della Sampdoria. "Ha fatto un grandissimo gesto che è stato molto apprezzato dalla società - ho raccontato nelle scorse ore il direttore sportivo della Samp ai microfoni di Sky Sport - ha dimostrato che la dignità non ha prezzo. E’ una bandiera, per il tifoso è diventato un mito, un eroe. Nicolini da noi? Abbiamo dei programmi, saremo contenti di portare persone che vivono per questo club. Perché no? E’ un ottimo tecnico, conosce il calcio: sarebbe un onere averlo con noi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche