Samp, andata e ritorno: Genoa ancora ko nel derby

Serie A
Luis Muriel festeggia il gol decisivo nel derby di Genova (Foto LaPresse)

Al Ferraris il 114° derby della Lanterna è dei blucerchiati come all'andata: finisce 1-0, un doppio successo non si verificava da 57 anni. Partita dai due volti: primo tempo bloccato e secondo con una progressiva accelerata della squadra di Giampaolo fino al gol di Muriel

GENOA-SAMPDORIA 0-1
71' Muriel

La Lanterna si accende solo nel finale, ed è tutta blucerchiata. La Sampdoria batte il Genoa 1-0 e fa suo anche il secondo derby stagionale, situazione che non si verificava dal 1960 (57 anni per l'esattezza). Una partita dai due volti: primo tempo bloccato, molto bloccato, e secondo con una progressiva accelerata della Samp fino al gol decisivo di Luis Muriel (in rete anche all'andata). Questo è stato il 114° confronto tra le due squadre. 

Il momento - La partita non aveva grande interesse per la classifica, ma il derby è il derby e l'attesa l'ha trasformata comunque in un grande spettacolo. La Sampdoria, imbattuta nei 6 turni precedenti e che qualche "euro-sogno" può ancora coltivarlo, arrivava al confronto con uno stato di salute migliore dei genoani: come punti e come forma; con Mandorlini in panchina, però, anche i rossoblù sembravano aver ritrovato la compattezza perduta nelle ultime settimane della gestione Juric.

Spettacolo sugli spalti - "Forza Genoa" e "Genoa siamo noi" nella nord rossoblù; "Esplode nel cuore della sua gente" il messaggio dei tifosi del settore blucerchiato. Striscioni e coreografie favolose quelle che hanno accolto le squadre in campo. Colori e fuochi d'artificio in grado di rendere ancora più bella l'imminente vigilia del match. Ma non solo. Nel pre gara in campo è spuntata anche una moto, quella del team che porta il nome di Marco Simoncelli - Sic 58 Squadra Corse - e che parteciperà al campionato Moto3. Questa è stata l'occasione per la presentazione ufficiale (scuderia e Genoa hanno lo stesso sponsor).

In campo - Mandorlini (3-5-2) cambia e inserisce Cofie tra i titolari (Cataldi in panchina). Izzo, Burdisso e Munoz nel terzetto difensivo; Lazovic e Laxalt esterni di centrocampo con Ntcham dal primo minuto dietro le punte Pinilla e Simeone. Per la Samp (4-3-1-2) formazione tipo con Regini titolare a sinistra e Pavlovic in panca. Bruno Fernandes trequartista, Linetty, Torreira e Barreto a centrocampo. Muriel-Quagliarella, infine, la coppia d'attacco. Praet fuori (un po' a sorpresa). 

Partita a Scacchi - Dominano le difese. Il primo tempo al Ferraris è soprattutto una partita a scacchi. Squadre così attente nel difendere che anche gli attaccanti vengono impegnati in questa fase. Qualche problema d'impostazione la Samp ce l'ha e rischia di andare sotto al 19': Simeone crossa dalla sinistra per Pinilla che da ottima posizione calcia addosso a Viviano.

La Samp accelera - E' un'altra Samp nella ripresa. In 5 minuti la squadra di Giampaolo sfiora due volte il vantaggio: prima Muriel colpisce la traversa (12° legno stagionale dei blucerchiati, 5° del colombiano), poi Quagliarella mette i brividi a Lamanna con un tiro a incrociare. Sarà pure banale, ma è il classico preludio al gol. Lo realizza proprio Muriel, al 10° centro stagionale, quando al 71' un controllo difettoso di Munoz lo mette nelle migliori condizioni di rubare palla, entrare in area e battere il portiere con un tiro d'interno destro.

La resa - Il Genoa a questo punto non ha più la forza di reagire, mentre la Samp controlla e aggredisce senza però avere il guizzo giusto per affondare ancora l'avversario. Per Mandorlini è la prima sconfitta da quando è alla guida del Grifone; per Giampaolo, invece, che sale a 41 punti e scavalca momentaneamente il Torino (c'era Mihajlovic in tribuna), diventano 7 i risultati utili consecutivi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche