Torino, Miha: "Vogliamo fare una piccola impresa"

Serie A
Sinisa Mihajlovic, allenatore del Torino (getty)

L'allenatore granata pronto alla gara contro l'Inter: "Loro sono un treno in corsa: vogliamo farlo deragliare". Il serbo senza voce in conferenza: "Ho strillato un po’ di più con i miei giocatori. Sono arrabbiato con me, ma anche con loro". Sul momento della squadra: "Da noi o splende il sole o diluvia, ci manca equilibrio. E mi sento il primo responsabile"

“Sapevamo avremmo avuto davanti a noi un ciclo quasi proibitivo. Fiorentina, Roma, Lazio e ora l’Inter: in cinque gare, quattro big, più la gara con il Palermo in casa. Domani affrontiamo la squadra di Pioli con la speranza di arrivare alla sosta con il sorriso: vogliamo regalare ai tifosi la piccola impresa“. Sinisa Mihajlovic si prepara così al match della 29^ di Serie A contro i nerazzurri. In conferenza stampa il tecnico granata si presenta senza voce: “Ho strillato un po’ di più con i miei giocatori. Sono arrabbiato con me, ma anche con loro“. Ora l’Inter, avversaria complicata: “Hanno una rosa da terzo posto. Hanno centimetri, chili. Pioli ha dato una mano a ritrovare la fiducia: possono lottare per il terzo posto e, magari, l’anno prossimo, con qualche innesto sul mercato anche, per lo Scudetto”. E ancora: “Loro sono un treno in corsa, noi domani cercheremo di farlo deragliare. Il Toro in casa è un altro Toro, e cercheremo, con l’aiuto dei nostri tifosi e con tutte le nostre forze, di vincerla”. L’Inter “è quella che arriva qui come squadra più in forma di tutte le altre“.

Da Belotti a Maxi Lopez - Durante la conferenza stampa, Miha ha fatto il punto sulle condizioni dei suoi: “Belotti è per ora capocannoniere. Ha fatto 22 gol, meglio rispetto a Icardi, Dzeko e Higuain. Ma loro giocano in squadre più forti, è anche più facile segnare. Noi abbiamo il quinto attacco della A, siamo abituati ad attaccare, abbiamo mentalità offensiva. Dipende molto anche dai compagni del Gallo, se riesce a segnare così. Se continua così, può vincere senz’altro il titolo. Ha dimostrato di essere il più forte attaccante della Serie A, può diventare tra i migliori anche a livello europeo“. Su Castan, vicino al rientro: “Non è ancora pronto, perché non gioca per due mesi. Non posso rischiarlo, non ha i 90′ nelle gambe. Dopo la sosta avrà due settimane in più di allenamento, faremo anche un’amichevole. Se non capita nulla poi dovrebbe essere a posto“. Maxi Lopez in gol contro la Lazio: “Sta entrando in forma, il peccato è averlo perso per gran parte della stagione per i soliti problemi. Ora sta bene fisicamente: per ora è una soluzione a gara in corso, magari da qui a fine campionato può darsi che ci sia spazio per giocare con le due punte“.

Casa dolce casa - Il Toro cambia faccia quando gioca  all’Olimpico: “Noi in casa giochiamo in maniera diversa: altro tipo di prestazioni. Abbiamo più coraggio e personalità. Davanti avremo l’Inter, una squadra che è più forte di noi: sappiamo i loro pregi e difetti, sarà sicuramente una bella partita, da giocare a viso aperto. Dipenderà anche dall’avversario, quello che farà e come lo farà. Voglio una squadra coraggiosa, aggressiva e cattiva, sapendo che se giochiamo come sappiamo, facendo tutti una grande fase difensiva ma soprattutto cercando di attaccare, potremo provare a vincerla“. Ancora sulla sfida Icardi-Belotti: “Anche se Icardi è un grande giocatore, non lo avrei mai cambiato con Andrea. Il Gallo è ideale per il nostro modulo, come Mauro lo è per l’Inter. Magari sarebbe meglio averli tutti e due, sarebbe l’opzione migliore”.

Sul momento - “Da noi o splende il sole o diluvia: non ci sono mai giornate normali”, ha continuato Mihajlovic. “Ci manca sempre l’equilibrio. E di questo io sono il primo colpevole: mi prendo tutta la responsabilità, non cerco le scuse. Ma esiste anche un dato di fatto: il nostro reparto offensivo è stato arricchito di uomini, che abbiamo avuto praticamente sempre a disposizione. La difesa è stata invece cambiata più di tutte ed è falcidiata dagli infortuni: non abbiamo ricambi, non siamo stati fortunati”. Il centrocampo anche: “Valdifiori è fuori da due mesi, Obi è un giocatore diverso da tutti gli altri che ho ed è stato più fuori che dentro. È chiaro che poi anche noi siamo delusi dal nostro rendimento fuori casa: non siamo riusciti ad invertire la rotta, e purtroppo le ultime nostre gare non sono adatte per provare a fare punti. Contro la Lazio, per esempio, ci è mancata la personalità: ma loro erano più forti e han giocato meglio, fino a 4′ dalla fine noi stavamo pareggiando“.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport