Genoa, nessuna lesione muscolare per Izzo

Serie A
Armando Izzo, difensore del Genoa (foto genoacfc.it)
izzo_genoa_genoacfc

Il difensore è stato sottoposto a controlli medici che hanno dato buone notizie a Mandorlini; il problema fisico è meno grave del previsto e il calciatore lavorerà a parte per una settimana. Sei i nazionali assenti alla ripresa dei lavori

Nessuna lesione - In casa Genoa arrivano notizie positive sul fronte infermeria. Come comunica lo stesso club rossoblù con una nota ufficiale, Armando Izzo non ha subito alcuna lesione muscolare al flessore e il suo periodo lontano dai campi non sarà dunque lungo: "Il Genoa Cricket and Football Club - si legge - comunica che gli accertamenti effettuati all’Istituto Il Baluardo dal difensore Armando Izzo non hanno evidenziato alcuna lesione muscolare acuta ai flessori della coscia sinistra. Nell’ambito delle indagini diagnostiche è emersa una pregressa cicatrice a carico del muscolo semitendinoso responsabile della sintomatologia in atto. L’atleta svolgerà un lavoro differenziato nei prossimi giorni e successivamente sarà sottoposto a un nuovo controllo prima del ricongiungimento al gruppo".

Allenamento pomeridiano -
Qualche giorno di lavoro a parte per recuperare e tornare così al 100% al pari di Veloso, che continua con il suo programma di allenamento individuale. Intanto, quest’oggi, la formazione di Andrea Mandorlini è tornata ad allenarsi a Pegli dopo due giorni di riposo concessi dall’allenatore in seguito al ko di San Siro contro il Milan. La seduta si è svolta a porte chiuse. Sei i nazionali assenti giustificati perché convocati dalle rispettive nazionali. Laxalt è in Uruguay, Hiljemark con la Svezia, Pandev con la Macedonia e Zima sarà in porta nella Repubblica Ceca Under 21 per le amichevoli contro Slovacchia e Polonia. Inoltre, Biraschi e Cataldi sono stati convocati da Di Biagio nell’Under 21 azzurra; per loro impegni giovedì contro la Polonia e lunedì a Roma contro la Spagna Under 21.

Clima di indifferenza -
Dopo le tensioni dei giorni scorsi tra una parte della tifoseria organizzata rossoblù e il presidente Enrico Preziosi, va sottolineato il fatto che il centro sportivo non ha visto oggi alcuna contestazione da parte dei tifosi: la situazione è stata comunque monitorata da una pattuglia dei carabinieri e dagli agenti della Digos - che hanno poi lasciato Pegli visto che la situazione era sotto controllo; presenti soltanto alcuni tifosi che sono rimasti pochi minuti al Signorini. Nessuna contestazione, al momento l’intenzione del popolo genoano sembra quella di attendere risposte dal campo. Mandorlini e i suoi ragazzi dovranno così reagire già nel prossimo appuntamento, quando a Marassi arriverà l’Atalanta dell’ex Gasperini. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche