Buffon: "Napoli-Juve sia una festa. Sarri..."

Serie A

Il giorno dopo l'amichevole della Nazionale contro l'Olanda, il capitano azzurro ha parlato di tutto ai margini di un evento di uno sponsor. Da Napoli-Juve ormai alle porte, al gioco di Maurizio Sarri. Da Donnarumma, fino al caso Barzagli

Da Donnarumma a Barzagli, da Napoli-Juve al Barcellona, fino al caso biglietti. Il giorno dopo la vittoria della Nazionale dei debuttanti all’Amsterdam Arena, contro l’Olanda, Gigi Buffon è tornato a parlare di tutto ai margini di un evento organizzato da uno sponsor. Inevitabile partire da Gigio, che in Olanda ha giocato titolare: "E’ un ragazzo e portiere con qualità fisiche e mentali enormi. Potrebbe essere mio figlio, ma è già in grado di essere portiere del Milan e della Nazionale". Il tempo passa per tutti, e questa volta il capitano azzurro la partita l’ha vista dalla panchina: "Non è la prima volta, mi era capitato anche con Sirigu - ha scherzato -, nessuno è eterno. E’ giusto che anche gli altri abbiano la possibilità di giocare".

Juve-Napoli: "Ci arriviamo bene. Il periodo che precede questa gara - ha detto ai microfoni di Sky Sport 24 - è ricco di successi e punti da parte nostra. Affronteremo una squadra molto temibile e rispettata con il giusto entusiasmo, ma con la giusta attenzione che merita una squadra come quella azzurra. Ne abbiamo parlato con Insigne, e abbiamo scherzato sull’accoglienza che ci può riservare Napoli sempre molto calorosa".

Sul gioco di Sarri: "Il Napoli è una delle espressioni migliori di calcio a livello internazionale. Grandi meriti all’allenatore: c’è una filosofia di gioco ben riconducibile a lui. Tanti meriti vanno poi ai giocatori. Credo anche che il top, la vera consacrazione di tutto ciò sia arrivare alla vittoria. Abbinare tutto questo bel gioco ed espressione di calcio a un risultato finale di concretezza sarebbe il non plus ultra".

Messaggio per il big match - "Spero solo che alla fine i valori dei giocatori e dello sport, possano emergere ed essere ben chiari a tutti". Rivali ma non nemici: "C’è una partita da giocare, un dopo partita da gestire: mi auguro che soprattutto quello lo si faccia nel modo più consono. E’ uno spot troppo importante Napoli-Juve per perderci in momenti miseri che non fanno bene a nessuno".

"Barzagli ha fatto bene" - In questi giorni si è parlato poi molto del caso che ha coinvolto il suo compagno alla Juve, Andrea Barzagli: "Su di lui non ho nulla da dire. Non ha lasciato il ritiro per un mal di pancia o perché si è rotto tibia e perone. Se è andato a cena, ha fatto bene...". Via le polemiche dopo il caso della foto scattata accanto a un dj della riviera romagnola poche ore dopo aver lasciato il raduno dell'Italia "per motivi personali". "Le polemiche sui ritorni anticipati dalla Nazionale non mi fanno nessun effetto, non è la prima volta, manchiamo di fantasia".

Il finale di stagione - "Vogliamo vivere un aprile da protagonisti: ci giochiamo tanto. Lavoriamo per questo da nove mesi - ha aggiunto -, per arrivare in queste condizioni e in questa situazione di classifica: è la parte bella della stagione e vogliamo viverla da protagonisti". Ad attendere i bianconeri la doppia sfida contro il Napoli tra campionato e Coppa Italia. E quelle con il Barcellona: "Arriviamo a queste sfide come gli altri, non c'è nessun appunto da fare, non c'è da lamentarsi di nulla, se saremo più bravi vinceremo, se saranno più bravi loro vinceranno".

Sul Barcellona - "Contro il Barcellona proveremo a passare il turno: con bravura e fortuna ci siamo guadagnati queste due partite. La speranza - secondo il capitano della Juve - è di poter battagliare fino alla fine, poi vedremo come andrà e come verrà accolto il verdetto". Tra i momenti chiave della stagione, finora, la grande prestazione del portiere bianconero il 18 ottobre, quando salvò più volte la porta della Juventus durante la sfida a Lione, vinta 1-0 con gol di Cuadrado: "Una partita giocata sui nervi, non di talento o esperienza, sempre sul filo del rasoio. Da una parte un burrone, dall'altra il paradiso: è stato bellissimo".

Il caso Juve-ultras - "Sul caso tifosi non ho nulla da aggiungere: per la Juventus ha risposto in modo esauriente il presidente Agnelli. I tifosi fanno parte della società civile. Se possono andare allo stadio, o girare per la strada, significa che sono cittadini come gli altri".
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport