Montella: "Il Milan sa quanto conta questo derby"

Serie A
Montella sul derby: "Vorrei vincerlo, sarebbe un grande passo in avanti" (Foto Getty)

L'allenatore rossonero parla a Milan TV della sfida con l'Inter: "Vorrei vincere. Per farlo dovremo mettere qualcosa in più di loro". E su Ancelotti: "Mi ha aperto il suo mondo"

"Certo che mi piacerebbe vincere sabato e ce la metteremo assolutamente tutta". La grinta in vista del derby la tira fuori direttamente Vincenzo Montella, che ai microfoni di Milan Tv ne racconta l'importanza: "È una partita che oltre a valere un derby, quindi la supremazia cittadina, stavolta vale anche per la classifica e sarebbe un grandissimo passo avanti - dice l'allenatore rossonero -. L’orgoglio dei grandi giocatori, come sono quelli dell’Inter, sono certo che non mancherà così come sono certo che non mancherà da parte del Milan capire questo e mettere qualcosa in più dell’avversario. "Chi temo dell'Inter? Handanovic. Con la squalifica di Pasalic potrebbe esserci l'occasione per far giocare insieme Sosa e Locatelli, chissà... Speriamo di passare una bella Pasqua".

"Suso vive per il calcio"

"Suso stava soffrendo molto in questo periodo, perché lui è un che vive per il calcio - dice Montella -. Con il Palermo ha fatto una grande prestazione e gli applausi dei tifosi sono più che meritati. Faccio i complimenti anche al pubblico che è stato grande domenica. Deulofeu papà? Faccio tantissimi auguri a Gerard, alla moglie e alla piccola. I padri hanno sempre una forza diversa". 

"Gigio sta cambiando il modo di intendere il portiere"

"La maglia di Donnarummasta è richiestissima e questo è una rarità. Sta cambiando il modo di intendere il portiere. La sua parata più bella? Quella su Dybala a Doha. Pasalic? 
"È un centrocampista moderno, completo. Deve migliorare sotto diversi punti di vista, però è un giocatore che potenzialmente potrà diventare un top player nel suo ruolo".

"Apprezzo moltissimo Ancelotti"

"Carlo è stato il primo allenatore che mi ha aperto le porte al Chelsea quando avevo deciso di iniziare questa carriera. È stato di una gentilezza e di un altruismo incredibile... Mi ha aperto il suo mondo per 3-4 giorni, mi ha fatto vedere come preparava l’allenamento. È stata una persona che ho apprezzato moltissimo, gli voglio veramente bene. Il tifo per lui sarà sicuro, così come sono certo che il tifo per il Milan e per me da parte sua sarà fortissimo".
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport