Lazio, Inzaghi: "Voglio fame e cattiveria per lo sprint finale"

Serie A
Simone Inzaghi, allenatore della Lazio (Getty)
inzaghi_getty

Sfida ai rosanero per i biancocelesti, queste le parole dell'allenatore in conferenza: " Bisogna giocare nel migliore dei modi, nessuno molla. I calendari bene o male si equivalgono". E ancora, sul finale di stagione: "Abbiamo fatto grandissime cose ma manca ancora lo sprint finale"

La Lazio corre veloce e pensa alla prossima sfida col Palermo, decisiva per l'Europa. Inzaghi, però, smorza l'entusiasmo post-derby e ci va cauto: "Abbiamo fatto grandissime cose ma manca ancora lo sprint finale". Prima i rosanero, poi la Roma. Gare decisive in vista della finale di Coppa Italia contro la Juve: "Il clima intorno a noi è buono, avevo chiesto una grande reazione dopo il Napoli, avevamo una partita difficilissima con il Genoa dopo il cambio allenatore. La reazione c'è stata, la partita è stata buona, purtroppo abbiamo commesso qualche leggerezza che ci ha impedito di vincere una gara fondamentale. Coi 3 punti avremmo passato una Pasqua migliore, abbiamo preso un punto quando ne meritavamo 3".

"Fame, agonismo e cattiveria!" - Continua Inzaghi: "Ci sarà tempo per preparare la finale, a noi sicuramente complicherebbe un po' i piani se venisse anticipata. Ma allo stesso tempo sarei contento di vedere la Juve in finale, è una squadra italiana, un club all'avanguardia, che è davanti a tutte le altre e merita di stare lì. Tiferò per la Juve in semifinale. Pensando a noi certo complicherebbe un po' il cammino. Ma due anni fa eravamo nella stessa situazione e la partita era stata preparata bene. Il nostro problema maggiore ora è il Palermo. Mancano 6 partite, dobbiamo affrontarle senza fare i calcoli. Voglio vedere fame, agonismo e cattiveria".

I complimenti per Pippo - Così Inzaghi sulla promozione in B del fratello col Venezia: "E' stato bravissimo, a inizio carriera ho giocato in Lega Pro, sono campionato difficilissimi da vincere. Aveva un girone complicato, è stato bravissimo e umile, l'umiltà è una cosa che non gli è mai mancata nemmeno da calciatore. L'umiltà gli ha fatto scattare la molla di ripartire dalla Lega Pro dopo 25 anni tra Juve e Milan ad altissimi livelli. Ha vinto meritando con la migliore difesa. Ha meritato tutto quello che ha ottenuto da calciatore, ora è partito molto bene come allenatore, spero che continui così anche il prossimo anno".

Formazione e scelte - "I nostri tifosi ci stanno aiutando, domani speriamo in uno stadio degno. Sulla Curva non ho dubbi, si è sentita col Napoli, nel derby, anche in trasferta. Spero che i veri laziali che domani saranno a Roma vengano allo stadio perché abbiamo bisogno di loro". Su Crecco possibile titolare: "E' un ragazzo che conosco molto bene, si sta allenando nel migliore dei modi. A sinistra abbiamo anche altre soluzioni, vedremo domani se partirà Lukaku titolare. Ma dobbiamo valutare anche il modulo, dobbiamo ancora vedere con calma". E ancora: "Stiamo vedendo e valutando. Il Palermo farà una formazione per crearci dei problemi. Ma dovranno trovare una Lazio affamata e con furore agonistico. Dovremo giocare al 130%". Sul Palermo: "Dobbiamo difendere di più da squadra. I nostri difensori stanno facendo un'ottima stagione, dobbiamo cercare di aiutarli e di non lasciare da solo il reparto arretrato. Mi aspetto un Palermo che verrà a fare la partita abbastanza chiuso".

Sull'esultanza di Cataldi - "Non so cos'è successo, in quel momento non ero in panchina ma nascosto in un tunnel dall'altra parte. Vanno capiti sia i tifosi che il ragazzo, ora gioca nel Genoa. Credo che nessuno abbia mai messo in discussione l'amore per la Lazio di Cataldi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport