Lazio verso il derby: prime prove tattiche per Inzaghi

Serie A
Felipe Anderson, esterno d'attacco della Lazio (Getty)
anderson_getty

Dopo l'entusiasmo dei tifosi per l'allenamento a porte aperte, i biancocelesti riprendono a correre in vista del derby; provato il 3-4-1-2 con Anderson e Milinkovic dietro Ciro Immobile. E Radu può giocare dall'inizio...

"Sveglia, domenica c'è il derby". Per le strade di Roma è il coro che va per la maggiore. Anche a Formello, durante l'allenamento a porte aperte nella giornata di giovedì. Più di 1000 tifosi biancocelesti sulle gradinate del "Fersini" ad incitare i propri giocatori: "Ciro! Ciro! Ciro". E' lui il più acclamato, seguito da Keita, Felipe Anderson e ovviamente Simone Inzaghi, che a fine allenamento si è fermato a firmare qualche autografo. Sorrisi e buon umore, ora il derby: "Abbiamo bisogno del sostegno dei nostri tifosi, noi siamo pronti...". Promessa fatta.

Scattano le prove tattiche

Prima la colazione obbligatoria al centro sportivo (9.30), poi la seduta tattica dell'anti-vigilia. Sensazioni? Dopo aver provato la difesa a 4 durante l'allenamento di giovedì, Inzaghi ha schierato nuovamente il 3-4-2-1 visto in entrambe le gare di Coppa Italia, sempre con la Roma. Strakosha tra i pali (Marchetti ancora ai box a causa del solito problema al menisco), Wallace, de Vrij e uno tra Radu e Bastos nel terzetto difensivo. Salgono le quotazioni di Radu, in ballottaggio col centrale angolano per un posto in difesa. In mezzo, poi, Parolo, Biglia, con Basta sulla destra; mentre sulla corsia mancina c'è un altro ballottaggio: Lulic o Jordan Lukaku? Il bosniaco è in vantaggio, ma Inzaghi ha ancora 48h di tempo per decidere. Davanti, infine, spazio Ciro Immobile, con Felipe Anderson e Milinkovic subito dietro. Keita dovrebbe partire nuovamente dalla panchina, entrando poi a partita in corso. Sensazioni da derby.

Pippo Inzaghi: "Se Simone vince la Coppa organizziamo un'amichevole"

Sempre uniti, sempre vicini. Amici ancor prima che fratelli. Perchè il rapporto tra Simone e Pippo Inzaghi resterà sempre qualcosa di unico. Indelebile. Intervenuto ai microfoni della Gazzetta dello Sport dopo la grande impresa col Venezia, Inzaghi ha parlato anche dei successi del fratello: "Papà Giancarlo? A gestirlo ci pensa mamma Marina... I nostri genitori sono felici, ma sanno che nella carriera di un allenatore ci sono momenti belli e brutti. Adesso vediamo come chiude la stagione Simone. Ieri gli ho detto che se vince la Coppa Italia organizziamo un’amichevole, portiamo le coppe in campo e poi facciamo una grande festa”. In chiusura poi: “Ringrazio per i complimenti ricevuti Galliani, Agnelli, Paratici, Gandini e Tare…”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport