Atalanta, anche Dramé torna in gruppo

Serie A
Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta (Getty)
gian_piero_gasperini_atalanta_getty

Dopo aver recuperato Zukanovic, l'allenatore nerazzurro ha visto un’altra pedina ritornare a lavorare con i compagni per questo finale di stagione. Domenica arriva l’Empoli, domani allenamento a porte chiuse. Migliaccio: "Il nostro segreto? Gasperini"

L’appuntamento con l‘Empoli - il penultimo di questa Serie A - è sempre più vicino, l’Atalanta di Gian Piero Gasperini continua così la sua preparazione in vista dell’impegno contro la formazione toscana, alla ricerca di punti per conquistare la salvezza. La gara è in programma domenica alle ore 15 e i bergamaschi, dopo aver centrato l’obiettivo Europa, vogliono continuare a correre. Nel pomeriggio l’allenatore Gian Piero Gasperini e il suo staff tecnico hanno diretto una seduta d'allenamento sul campo principale del Centro Bortolotti di Zingonia e buone notizie sono arrivate anche quest’oggi dall’infermeria. Ieri il ritorno al lavoro con il gruppo di Zukanovic, oggi quello di Dramé, tornato ad allenarsi con i compagni numerose settimane dopo il suo stop. A parte invece si a Berisha che Konko, i due giocatori hanno svolto i rispettivi programmi di lavoro personalizzati. Per la giornata di domani, sempre a Zingonia, è in programma un allenamento a porte chiuse.

Alla fine di questa storica stagione l’Atalanta perderà uno dei suoi uomini più rappresentativi; per Giulio Migliaccio, infatti, si avvicina il momento dei saluti e lo stesso calciatore ha parlato così dell’argomento: "Cosa farò dopo? Inizialmente imparò dal direttore tecnico Sartori perché aspiro a fare il direttore sportivo e a settembre inizierò il corso", ammette il giocatore da sei anni a Bergamo, prima di parlare anche dei suoi compagni di squadra protagonisti della cavalcata all’Europa League: "Il trascinatore, finalizzatore e valorizzatore massimo degli sforzi di tutti è il Papu Gomez, ma le colonne portanti sono Masiello, Freuler e Kurtic. Poi anche chi ha giocato meno ha avuto l'intelligenza di aspettare e di essere decisivo, come D’Alessandro ad esempio".

Ma il vero e proprio segreto dell’Atalanta è in panchina: "Il vero colpo di quest'anno è stato Gian Piero Gasperini - aggiunge Migliaccio - rimpiango il fatto di averlo incontrato solo a fine carriera. Ha un'etica del lavoro straordinaria, è sempre stato sincero con me e ho capito quale sarebbe stato il mio ruolo, anche se sapevo che non avrei giocato molto. Ma sono consapevole che le partite si vincono anche nello spogliatoio e comunque lascio il calcio giocato con l'Atalanta in Europa: mi ero qualificato anche ai tempi di Palermo e Fiorentina, ma qui è qualcosa di speciale perché la gente l'aspettava da decenni".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche