Caricamento in corso...
13 luglio 2017

Genoa, Spolli: "Quanta Argentina qui in rossoblu. Obiettivo salvezza"

print-icon
Nicolas Spolli

Nicolas Spolli, difensore del Genoa (Foto: Twitter Genoa)

Tanto entusiasmo, per il difensore argentino: "Non vedo l'ora di rimettermi in gioco". E il Genoa ricorda un insolito retroscena: quando festeggiò per una vittoria dei rossoblu in un derby con la Samp

Oltre due gol subiti di media a partita e una salvezza messa in discussione in modo troppo pericoloso. Per questo il Genoa aveva bisogno di rinforzarsi, in vista della prossima stagione, e ha deciso di cominciare con la difesa, acquistando Nicolas Spolli. Giocatore esperto, l’argentino: un centrale che conosce benissimo la Serie A, essendo giunto al suo nono campionato disputato in Italia. Prima della maglia rossoblu, ha indossato le maglie di Catania, Roma, Carpi e Chievo. Il suo arrivo è stato accolto con entusiasmo, dalla società, che ha voluto dedicargli un’intervista sul proprio sito ufficiale. "Ragazzi, di testa sono sue. Dall’alto dei suoi 194 cm, c’è poco da fare, è il primo a intercettare le traiettorie visualizzate sui radar e attivare il sistema difensivo nella contraerea rossoblù. Per Nicolas Spolli i primi giorni alla scoperta del nuovo ambiente stanno fornendo piacevoli impressioni. Fiutando l’aria, ok, la scelta è stata giusta. Esperienza e qualità promettono di essere un’arma su cui fare affidamento. ‘Ho trovato un gruppo unito, importante, con diversi giocatori argentini come me. Nelle partite a Marassi da avversario ho sempre apprezzato il calore di un pubblico come quello del Genoa. Il clima allo stadio mi ricorda le sfide e i derby in Argentina. Le stesse sensazioni di quando giocavo a Rosario. Una passione esagerata. La storia del club, la gente, la città. Spero proprio di fare una grande annata. Mi metto a disposizione, in difesa posso variare i ruoli’" si legge. 

Un segno del destino

Quindi, l’insolito retroscena legato alla stagione 2010/11: "Quanti incroci in passato con il Grifone di mezzo. E una volta pure un bel regalo depositato tra i piedi. Sul charter di ritorno da una trasferta, ai tempi del Catania, festeggiò il gol di Boselli che diede la vittoria al Genoa in un derby, certificando la salvezza della sua squadra. Un video virale. ‘Il calcio regala storie così. Conosco le grandi tradizioni che i giocatori argentini vantano nel club, Milito è stato un simbolo, non solo lui. In questo ritiro dobbiamo puntare a crescere a livello fisico e avvicinarci alle richieste di mister Juric. Penso che sarà un campionato più equilibrato rispetto all’anno scorso, valutando come si stiano muovendo le neopromosse. Sotto il profilo personale ho tanta voglia di rimettermi in gioco. Il primo obiettivo è la salvezza. Sarà fondamentale fare punti subito, poi si vedrà strada facendo’".