Juve, Allegri dopo la Supercoppa: "Niente scuse, la Lazio ha meritato"

Serie A
Allegri e Chiellini al termine della partita persa all'Olimpico contro la Lazio (Foto La Presse)

L’allenatore della Juventus pensa solo a ripartire, "perché non ci sono scuse": prestazione brutta, "colpa anche di un brutto momento fisico". E adesso i bianconeri dovranno rimettere tutto in discussione

Non c'è tempo per le scuse. Lo spiega subito Allegri, "non abbiamo giocato per 60 minuti". E così la Juventus ripassa dal recente passato. Da quella Coppa Italia vinta tre mesi fa all'Olimpico, sempre contro Inzaghi. E davanti a quel biancoceleste oggi ritrovato con una forza diversa. Senza Dani Alves, con un mercato nella fase finale e un ciclo da scrivere da zero. Partendo da una brutta sconfitta, e soprattutto da una Supercoppa sfumata. Scappata via dopo l'illusorio pareggio di Dybala.

"Non ci sono scuse"

Perché tre mesi fa era tutto così diverso. Da una Coppa Italia a un sogno Champions League, reset ora. Tempo annullato. Tra mercato e un campionato che, forse, oggi spaventa un po' di più. E allora Allegri dovrà essere bravo a farsi forza e rialzare la testa. "Senza scuse, sì. Ci dispiace perdere così. Per tanti nostri giocatori, fisicamente, questo è un momento difficile. Questa è stata davvero una prestazione brutta, abbiamo perso così il primo obiettivo stagionale. In più, non abbiamo giocato per sessanta minuti: e questo ci dovrà far riflettere. Ma a parte il loro gol incredibile, la Lazio ha meritato". Nessuna scusa, quindi: solo consapevolezza e voglia di azzerare tutto. Ripartendo, già da sabato contro il Cagliari.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche