Lazio-Milan, Inzaghi: "Giocando così, altre soddisfazioni. Ciro..."

Serie A
Simone Inzaghi, allenatore della Lazio (Foto: Getty Images)

L'allenatore dei biancocelesti ha analizzato così la vittoria sul Milan: "Partita intensa e di sacrificio, giocando così possiamo battere anche squadre che ci sono superiori". Su Immobile: "Un leader, per lui ho finito le parole"

Quattro gol al Milan: la Lazio va oltre le condizioni climatiche avverse e il posticipo di un’ora sull’orario iniziale della gara e doma i rossoneri. Protagonista indiscusso è Ciro Immobile, autore di una tripletta e un assist che impreziosiscono una prestazione corale di alto livello. Infatti, Simone Inzaghi è più che soddisfatto. "Siamo stati bravi, abbiamo giocato una partita intensa e di sacrificio. Io avevo avuto buone impressioni negli ultimi 2-3 giorni e mi sarebbe dispiaciuto se oggi non avessimo giocato. Ed è andata nel migliore dei modi” ha analizzato l’allenatore. Questa vittoria si aggiunge a quella in Supercoppa contro la Juventus e fa sorgere interrogativi sul potenziale dei biancocelesti: "Adesso parleremo di più della dimensione della Lazio, dopo la Supercoppa qualcuno ci ha considerato maggiormente; comunque giocando con umiltà possiamo compiere delle imprese, come battere Juventus e Milan, squadre che sulla carta ci sono superiori. Il tutto grazie a un gruppo che sa sacrificarsi". La previsione farà felice i tifosi: "Quest'anno con anche l'Europa League spenderemo molte più energie mentali e fisiche, ma giocando così ci toglieremo delle soddisfazioni". Il commento alla prova di Ciro Immobile: "Per lui sono finite le parole, l'anno scorso ero contento che fosse arrivato perché sapevo che ci avrebbe dato una grande mano. Lui si è inserito in maniera splendida, ora dopo un anno è un nostro leader e uno dei nostri capitani...”.

L’inserimento dei nuovi acquisti

Ancora poche ore per godersi la vittoria, perché la Lazio deve prepararsi all’impegno europeo. Le diverse competizioni aumentano la difficoltà della stagione: "Abbiamo bisogno che tornino Nani e Felipe Anderson e ora abbiamo le rotazioni molto corte, sono due giocatori importanti e avrò modo di scegliere. Quest’anno non avremo più tempo per preparare le partite e sarà tutto più difficile: i ragazzi dovranno essere bravi. Si dice che in genere per gli stranieri ci vuole tempo per adattarsi, invece Leiva si è inserito nel migliore dei modi e ci ha dato grande disponibilità, ha fatto una partita esemplare ed è stato bravissimo. Anche i nuovi si stanno inserendo bene". Infine, Inzaghi ha parlato dell'espulsione di Parolo. "Stavo per toglierlo e avevo tolto anche Lulic che non avrei sostituito se non fosse stato ammonito. Radu mi ha chiesto il cambio con i crampi e quindi ho speso il cambio a disposizione per far uscire lui" ha concluso l’allenatore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche