Segnò al Milan sotto il diluvio di Ascoli. Cudini: "Gara da rinviare"

Serie A
Cudini a contrasto con Shevchenko durante Ascoli-Milan del 2005 (foto Getty)
cudini_sheva_getty

Lazio-Milan si gioca sotto la pioggia alle 16 e c'è chi è uno specialista delle partite bagnate. Parla l'ex capitano dell'Ascoli che nel 2005 segnò al Milan di Ancelotti nella prima di campionato, sotto un violento acquazzone

Sembrava destinata a non giocarsi ma alla fine Lazio-Milan si giocherà alle 16. Non è casuale che la partita tra i biancocelesti e i rossoneri fosse a rischio rinvio. Già una volta infatti, il 6 gennaio 1985, la neve impedì alle due squadre di scendere in campo, un fatto molto inusuale per una città non abituata come Roma. Tanto inusuale che all'Olimpico i teloni non c'erano e in poche ore il prato dell'Olimpico fu ricoperto da quasi mezzo metro di neve. La partita venne comunque giocata il giorno successivo e il Milan vinse per 0-1 con il gol di Virdis. 

Non solo Roma, ma anche Ascoli

Cambia l'anno, cambia il tempo (metereologico) e cambia anche il risultato. Il 27 agosto del 2005 il Milan di Ancelotti, reduce dalla finale di Champions persa l'anno prima con il Liverpool a Instabul, affronta nella prima giornata di campionato l'Ascoli di Giampaolo (neo promosso in serie A) al Cino e Lillo del Duca. Prima della partita, durante il riscaldamento, un violento nubifragio si abbatte su Ascoli, allagando completamente il campo. Nonostante il manto erboso pesante e la palla che non rimbalza, l'arbitro De Santis decide comunque di farla giocare e la partita termina 1-1. Il gol di Shevchenko al 18' del secondo tempo pareggia il vantaggio iniziale del capitano dell'Ascoli, Mirko Cudini, che portò l'Ascoli in vantaggio 6 minuti prima del pareggio dell'ucraino del Milan.

Cudini festeggiato dai compagni dopo il vantaggio contro il Milan

Un calciatore abituato al bagnato

Al giorno d'oggi, il capitano dell'Ascoli è tuttora in cerca di una squadra dopo aver preso in settimana il patentino da allenatore professionista insieme a Esteban Cambiasso. Intanto, commenta così in esclusiva a Sky il rinvio alle 16 di Lazio-Milan: "Era il caso di rinviarla a data da destinarsi come successo già con Sampdoria-Roma: per gli spalti, per la sicurezza dei tifosi e l’incolumità dei giocatori".

Con il campo pesante, i giocatori fisici potrebbero trarne vantaggio: "Cutrone per il Milan e Immobile per la Lazio potrebbero dire la loro in questa partita anche se - prosegue Cudini - non ci sarà lo stesso spettacolo all'Olimpico che ci sarebbe stato con il campo asciutto". La pioggia quindi annullerà i valori in campo, sempre secondo Cudini: "Il Milan ha più tecnica ma la Lazio ne ha di più sul piano dell'agonismo - conclude l'ex capitano che ricorda con piacere il gol al Milan - un qualcosa di speciale, il Milan aveva voglia di riscatto per la sconfitta in finale di Champions ma abbiamo portato un punto a casa sotto l'acquazzone". Acquazzone, quello di Roma, che non impedirà anche questa volta a Lazio e Milan di giocare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche