Decisivo, cinico, bomber: Lazio, super Immobile. Chi sarà re del gol?

Serie A
Ciro Immobile, attaccante della Lazio (Getty)

9 gol in 6 partite per l'attaccante biancoceleste: "E' il miglior momento della mia carriera". Il suo unico svago è la play, il suo segreto è fare gruppo e Inzaghi vorrebbe risparmiargli un po' di energie. Ma con un Ciro così...

Il suo unico svago è "giocare a Fifa". L'ha detto Jessica, sua moglie. Una che c'è sempre stata, fin dal primo incontro di Pescara in un locale: "E' stato amore a prima vista". I due sono uniti. Love, family and playstation. L'unico svago di Ciro. Perché lui, meticoloso di natura, ambizioso come pochi, vuole sempre migliorarsi e ci riesce con successo. Dando sempre il massimo: altra doppietta domenica (contro il Genoa), sesto gol in una settimana tra la "tripla" contro il Milan e il gol al Vitesse in Europa League. "Cirù, quanti sono?". 9 reti totali in sei partite. Decisivo. Tant'è che Inzaghi se lo coccola: "E' fantastico". Ma al tempo stesso sa di doverlo gestire: "Spero di fargli risparmiare una mezz'ora ogni tanto, è un generoso". Ciro lo sa, ma corre. Quasi come fosse un centrocampista: "I dati lo confermano" dice Inzaghino, sempre più fiero dei suoi ragazzi: "Teniamo botta, sarà dura". Immobile, intanto, si gode la Lazio e la Nazional azzurra. Momento d'oro: "E' il periodo più bello della mia carriera". Sperando che continui a lungo.

Decisivo e cinico

Contro il Milan ha segnato la prima tripletta con la Lazio, col Genoa si è ripetuto con due gol. Lui, Ciro. Ciruzzo. L’uomo social, il personaggio, il marito, il padre, il Fifa-addicted, quello che stava per andare all’Inter: “Non erano del tutto convinti – raccontò Danilo Pagni – e alla fine lo prese la Juventus”. Pescara, Torino, il Mondiale e le avventure all’estero. Male male. I tedeschi “sono freddi”.Mentre a Siviglia “qualcosa non va”. Alla fine, dopo una lunga trattativa, va alla Lazio per circa 8 milioni. Un affarone: “L’ho voluto io, sta ripagando la mia fiducia”. Inzaghi style, uno che ci sa fare. Soprannome? Valorizzatore. Guai a toccargli i suoi ragazzi. Soprattutto Immobile. Ci pensa sempre lui, dalla Lazio alla Nazionale: sua la rete contro l’Israele, sua la doppietta in Supercoppa con la Juve, suo il gol al Chievo. Avvio da star con 9 reti. Steven Spielberg diresse “Prova a Prendermi” con Leo protagonista, Immobile segna e manda un bel messaggio a Inzaghi, che vorrebbe risparmiarlo un po' per dargli fiato: “Prova a togliermi, adesso”. Chapeau. La solita Lazio, solito Immobile. Stakhanovista. Per il relax c'è solo la play.

Il segreto è il gruppo

Non lo dice solo Immobile: "Stiamo bene insieme, abbiamo un grande feeling. Il segreto di questa squadra è il gruppo". Ne parlano un po' tutti, dai più giovani a Simone Inzaghi. Perché la Lazio corre veloce anche grazie all'unione della squadra, a una visione di insieme. Prendiamo Ciro, sempre in prima linea quando si tratta di far gruppo. Un esempio? Il rapporto con Murgia: "Che fai? - gli dice su Instagram - Segni solo gol del 3-2?". In riferimento alle reti contro Juve e Vitesse. Giù a ridere. Tant'è che contro il Genoa, finita 3-2, lo stesso Murgia si è "scusato" sui social network. Scherzi, sorrisi e risate. In casa Lazio è anche questione di gruppo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche