Rizzoli fa chiarezza sul Var: "Va usato solo per episodi determinanti"

Serie A
Il Var interviene a San Siro in Milan-Udinese (foto Getty)
var_san_siro_getty

L'attuale designatore degli arbitri di Serie A chiarisce sull'utilizzo del Video Assistant Referee: "Siamo in fase di rodaggio per migliorarlo, il problema è di comunicazione tra l'arbitro in campo e quello dietro al monitor". E sugli arbitri italiani dice: "Tra i migliori in Europa perchè in Italia siamo sempre abituati ad essere sempre criticati"

Siamo solo alla 6^ giornata di campionato, ma le polemiche sul Var sono talmente tante che sembra sia presente sui campi di Serie A già da parecchi anni. Il Video Assistant Referee ha rivoluzionato il modo degli arbitri di prendere decisioni anche se rimane il dubbio sull'utilizzo: va usato per tutte le occasioni dubbie o solo per quelle più importanti? Ha provato a far chiarezza l'attuale designatore degli arbitri, Nicola Rizzoli, ospite per "Extratime" a Rai Radio 1: "La Var è un aiuto per eliminare gli errori determinanti ma non se ne può abusare perchè il gioco deve rimanere spettacolare, dinamico e veloce". L'ex arbitro ha poi spiegato quali sono stati i problemi in questo inizio campionato: "Ci sono stati alcuni problemi tecnologici di comunicazione tra l'arbitro in campo e quello dietro al monitor - ha sottolineato - speriamo che il tempismo migliori e che gli interventi siano sempre più veloci. Siamo ancora in fase di rodaggio". 

"Siamo sempre tra i migliori a livello internazionale"

Rizzoli ha anche parlato del sistema arbitrale italiano, elogiandolo: "Essere sempre nel mirino aiuta gli arbitri, lo posso dire con certezza - prosegue - mentre a livello internazionale la pressione è minore e non a caso gli arbitri italiani sono sempre stati i migliori: siamo abituati alla gestione della pressione, alle polemiche. Tutta questa tensione crea una concentrazione nel tempo e un'esperienza maggiore per poterla sopportare. Gli arbitri sotto pressione maturano molto più velocemente" Infine un pensiero anche alla finale del Mondiale 2014 tra Argentina e Germania che Rizzoli arbitrò: "Ricordo l'emozione, i brividi e la pelle d'oca prima di scendere in campo" - ha concluso. "È il punto piu' alto della carriera di un arbitro. Arriva al culmine di un percorso lunghissimo e difficile, pieno di persone che non soddisferai mai: i tifosi da una parte e i calciatori dall'altra. Ti daranno sempre addosso, a volte anche a prescindere, e vedranno in te il capro espiatorio di ogni problema".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche