Di Francesco-Caccia-Montella: gli amici-soci di Milan-Roma

Serie A

Gianluca Maggiacomo

Nel big match di San Siro ci sarà lo scontro tra tre amici di vecchia data. Eusebio, Vincenzo e Nicola si conoscono sin dai tempi delle giovanile con l’Empoli. Dal 2006 sono pure soci in affari, dato che hanno aperto un negozio di abbigliamento nella cittadina toscana

Di Francesco-Caccia-Montella. Calma. Non è una notizia di mercato. E nemmeno una previsione di come andrà la partita tra Milan e Roma in programma domenica pomeriggio alle 18. Molto più semplicemente, è la storia di tre amici per la pelle come l’allenatore giallorosso, quello rossonero e il suo vice, che a San Siro saranno, per l’ennesima volta, avversari. Eusebio su una panchina, Vincenzo e Nicola sull’altra. Amici contro. I tre, al di là dei colori che li divideranno al Meazza, sono uniti da un legame molto forte, che ha resistito al tempo e alla distanza. Un’amicizia nata a fine anni Ottanta, quando tutti e tre hanno cominciato a muovere i primi passi da calciatori nell’Empoli, e arrivata fino ad oggi intatta. Di Francesco e Montella, inoltre, hanno giocato insieme anche con la Roma nella stagione 2000-01, quella che ha poi portato alla vittoria dello scudetto con Fabio Capello in panchina. Un’annata memorabile, che gli ha uniti ancor di più. Amici in campo, quando giocavano, e pure fuori. I tre, ai tempi di Empoli, erano inseparabili. Uscite, cene con mogli e fidanzate, scherzi e qualche serata in discoteca a Montecatini o a Firenze. Un legame forte, insomma. E vero.

 

Calcio, affari e moda

Ad unire Di Francesco, Caccia e Montella non c’è solo il calcio. Ma anche gli affari. I tre, infatti, nel 2006 sono diventati soci e, assieme a Massimo Cioni, 61 anni, loro storico amico di Empoli, hanno aperto un negozio d’abbigliamento nella cittadina toscana. La boutique si chiama Four Sides e si trova in pieno centro. A gestirla è lo stesso Cioni.  “L’idea di fare qualcosa insieme mi è venuta una decina di anni fa, quando ho proposto a Vincenzo, che allora giocava nella Roma, di diventare soci per metter su un negozio. Lui ha accettato subito e mi ha detto di voler coinvolgere anche Nicola ed Eusebio, che a loro volta sono stati ben contenti di iniziare questa avventura. Metterci d’accordo è stato semplice”, racconta Massimo. “Con Montella, Di Francesco e Caccia il rapporto è strettissimo. Ci siamo conosciuti quando tutti e tre giocavano nel settore giovanile dell’Empoli. Io già allora avevo un negozio di abbigliamento e loro, spesso accompagnati da altri calciatori, venivano da me a far shopping. Pian piano siamo entrati in confidenza. Poi abbiamo cominciato ad uscire insieme, malgrado io fossi più grande, e questo ha fatto nascere una bella amicizia che è riuscita a sopravvivere anche quando loro sono andati a giocare lontano da Empoli. Nel corso degli anni ho avuto la possibilità, grazie al mio lavoro, di conoscere molti giocatori, che poi, però, ho perso di visto. Con loro, invece, è stato diverso. C’era e c’è un feeling particolare. Oggi ci vediamo poco, ma i messaggi su WhatsApp sono frequenti. L’ultimo che ho incontrato è stato Eusebio, la scorsa estate, prima che firmasse per la Roma. È stato a Firenze per un premio e siamo stati un po’ insieme”. I loro stili nel vestire? “L’uno diverso dall’altro. Vincenzo ha sempre amato una certa qualità. Sin da giovane cercava il capo firmato e alla moda. La sua passione sono le giacche. Eusebio, invece, era il più classico dei tre: pantalone e maglioncino, molto semplice. E poi c’è Nicola. Il più estroso e stravagante. Amava i colori e li accostava. Di certo non passava inosservato”, racconta Massimo. Amico, socio e pure appassionato di calcio. Domenica pomeriggio, ovviamente, Massimo non si perderà Milan-Roma. “La guarderò da casa, in tv. Chi vincerà? Premesso che io sono tifoso della Fiorentina, come posso sperare che vinca il Milan o la Roma? Impossibile. In realtà, al di la dell’amicizia, sia Eusebio che Vincenzo  e Nicola hanno bisogno di punti. Il primo per rafforzare ancor di più la sua posizione a Roma, gli altri due per uscire da questo periodo un po’ critico. Dai, un pari e siamo tutti felici”, dice Massimo sorridendo.

 

Il Four Sides, il negozio di abbigliamento di Empoli in cui Di Francesco, Montella e Caccia sono soci assieme a Massimo Cioni (foto: Ilaria Masini)
Massimo Cioni ed Eusebio Di Francesco
Vincenzo Montella in visita al Fousr Sides con l'amico Massimo Cioni (foto: Ilaria Masini)

 

Un po’ di numeri

Il pareggio è un risultato che Di Francesco da quando è allenatore non ha mai ottenuto contro il Milan. In 10 confronti, 4 vittorie, 6 ko. Mentre per Montella, il bilancio delle sfide alla Roma dice: 15 gare, 2 successi, 4 pari e 9 sconfitte. L’Aeroplanino non vince contro la sua ex squadra in campionato dal febbraio 2015: Roma-Fiorentina 0-2. Ma, al di là di numeri, non si può dimenticare, guardando al passato recente, che Di Francesco, quando era al Sassuolo, contro i rossoneri ha spesso vissuto partite che, nel loro piccolo, hanno fatto parlar di sé. Come il 2-1 a San Siro nel campionato 2014-15. Ma, soprattutto, la gara che tutti ricordano è Sassuolo-Milan nel 2013, con gli emiliani appena promossi in A. La partita finì 4-3, con quaterna di Domenico Berardi. Dopo quella sconfitta, i rossoneri esonerarono Max Allegri.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche