Condò: "Mertens poco lucido, ha bisogno di riposo. L'Inter si gode Nagatomo"

Serie A

L'opinionista di Sky Sport analizza lo 0-0 di Napoli-Inter: "Per Sarri le alternative in attacco sono un problema dopo l'infortunio di Milik. Mertens avrebbe bisogno di un turno di riposo". Spalletti si gode un ritrovato Nagatomo: "Ora è un punto fermo in difesa"

Nessun gol nel big match del San Paolo, ma non sono mancati gli spunti in questo Napoli-Inter. Il gioron dopo Paolo Condò li ha analizzati in diretta a Sky Sport 24, inizinado dall'ottima prova della difesa nerazzurra. Su tutti Skriniar: Ha commesso solo un errore in una situazione con Koulibaly che ha alzato la testa e al centro non ha trovato nessuno. Ha avuto un tempismo superiore anche nei confronti di Insigne: Skriniar ha studiato i suoi movimenti ed è riuscito a togliergli in anticipo il pallone". Secondo Condò, la prestazione di Insigne è stata superiore a quella di Mertens: "Il belga ha un periodo di appannamento, probabilmente ha bisogno di un turno di riposo. A Genova, nel turno infrasettimanale, un paio di posizioni vanno cambiate. Sarri ha buone alternative a centrocampo: Zielinski avrebbe risolto la partita se Handanovic non fosse stato pronto. Il problema è in attacco, specialmente dopo l'infortunio di Milik".

Flop Mertens

"Ieri ci sono stati due episodi chiave della partita. Il Mertens che conosciamo - quello che da gennaio gioca come centravanti - avrebbe fatto la cosa giusta. Non ha sfruttato il tiro di Callejon davanti a Handanovic a terra: Mertens non ha avuto la prontezza di spirito, ha colpito il piede del portiere. Nel secondo tempo, invece, avrebbe potuto dare la palla a Insigne, solo davanti alla porta. Invece ha voluto calciare ed è stato murato". Secondo Condò, l'attaccante del Napoli ha disputato una prestazione non all'altezza delle sue qualità, sia contro l'Inter che contro il Manchester City: "Avrebbe bisogno di rifiatare".

La rivincita di Nagatomo

"Nelle formazioni iniziali della stagione, noi scrivevamo il nome di Cancelo e di Dalbert. Abbiamo scatenato l’orgoglio, la determinazione a non mollare di alcuni giocatori". Il riferimento è per il difensore dell'Inter Nagatomo: "Spalletti ha sempre detto 'Nagatomo è il mio uomo', contrariamente alla tendenza popolare che lo vedeva colpevole delle stagioni brutte dell’Inter. Nagatomo ha risalito le posizioni di Dalbert: Callejon è stato sempre controllato e anticipato dal giapponese".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche