Chievo-Milan 1-4: Montella torna a sorridere. Suso-show, segnano anche Calhanoglu e Kalinic. Gol e highlights

Serie A

Al Bentegodi i rossoneri ritrovano il successo e lo fanno in maniera convincente. Suso apre i giochi, Cesar si fa autorete. Nella ripresa segnano Kalinic e Calhanoglu, Birsa accorcia le distanze. Paura per Calabria, portato in ospedale per accertamenti dopo uno scontro con Gobbi

RIVIVI LE EMOZIONI DI CHIEVO-MILAN

LE PAGELLE

CHIEVO-MILAN 1-4

36' Suso (M), 42' aut. Cesar (M), 54' Calhanoglu (M), 61' Birsa (C), 65' Kalinic (M)

Un solo risultato a disposizione: la vittoria per blindare una panchina che era stata messa in discussione, per restituire alla squadra la serenità necessaria a proseguire il progetto che porta un nome preciso, ovvero la qualificazione alla prossima Champions League. Il Milan ha giocato con pazienza, riuscendo a studiare il Chievo prima di colpirlo. La squadra di Maran ha comunque dimostrato di essere avversario ostico, difficile da affrontare, tatticamente organizzato e potenzialmente letale. Senza Bonucci il Milan è stato solido in difesa (almeno nel primo tempo) e in avanti ha avuto pazienza, riuscendo a sfruttare le caratteristiche del suo uomo migliore, Suso che ha innsescato due dei quattro gol rossoneri. Il primo squillo di Calhanoglu in serie A e Kalinic hanno chiuso i giochi sul 4-1.

Lo show di Suso

Le scelte di Montella hanno premiato proprio l'ex Fiorentina in avanti supportato da Suso e Calhanoglu in un 3-4-3 disegnato sulla falsariga di quello che ha affrontato il Genoa, con la variante Romagnoli al posto di Bonucci. Maran ha puntato sull'esperienza di Pellisier in avanti. La partenza è stata bloccata, per entrambe, fasi di studio, giocatori sotto la linea della palla e poche occasioni dalle parti dei portieri. Il Milan, come detto, ha giocato con pazienza chiudendo il Chievo nella propria metà campo e ricominciando, quando necessario, per trovare spazio. Eppure la prima palla gol è capitata agli uomini di Maran: il colpo di testa di Tomovic, sugli sviluppi di un angolo, è finito alto di poco. La reazione rossonera è stata affidata, soprattutto, alle giocate di Suso e alla voglia di lottare di Kalinic. Al 36' lo spagnolo ha attaccato una "seconda palla", sporcata proprio da Kalinic, ha puntato la porta e ha battuto Sorrentino con il suo sinistro a giro. Sbloccata la gara, il Milan ha preso il sopravvento, la differenza di qualità è parsa evidente e ancora da un'iniziativa di Suso è scaturito l'autogol di Cesar che ha chiuso la prima frazione sul 2-0 in favore dei rossoneri.

Primo squillo di Calhanoglu

Nella ripresa, un Milan più sciolto si è dimostrato più padrone del campo, ma un Chievo mai domo ha provato a riparire il match. Intelligente la squadra di Montella ad aspettare la sfuriata dei padroni di casa. Da una palla recuperata al limite dell'area è partito il contropiede con cui Suso (un gol, un autorete procurato e un assist) ha servito Calhanoglu che ha fulminato Sorrentino per la sua prima rete in serie A. A risultato sulla carta acquisito il Milan, per un momento, ha staccato la spina: Kessié, con leggerezza, ha effettuato un retropassaggio sul quale è intervenuto Birsa. Lo sloveno non si è lasciato pregarre e dai 16 metri ha messo dentro con il sinistro. Immediata, però, la reazione del Milan: Kalinic, che ha attaccato la profondità per tutta la gara, ha infine trovato il gol del 4-1 che ha spento le residue speranze del Chievo. Ma la formazione di Maran non ha mollato, Tomovic ha colpito una traversa (colpo di testa deviato da Donnarumma) ma non è riuscita ad accorciare ancora. Suso è uscito tra gli applausi del Bentegodi, il Milan ha gestito il match senza troppi problemi. Nel finale brutto scontro tra Calabria e Gobbi con il giocatore del Milan ad aver avuto la peggio e costretto ad uscire in barella (portato in ospedale per accertamenti). La vittoria, anche consistente nel risultato, ha mostrato che il Milan è compatto, necessariamente da migliorare, ma pronto a giocarsi le sue carte fino in fondo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche