Torino, il ds Petrachi: "Meno parole, più cattiveria: possiamo ripartire. Belotti? Dipende da lui"

Serie A
Gianluca Petrachi, ds del Torino (getty)

Il direttore sportivo granata dopo il pesante 3-0 di Firenze: "Da qualche partita non funzionano cose importanti, ho parlato con Mihajlovic: non basta solo la qualità per vincere". Su Belotti, pronto al rientro: "Dipende tutto dalle sue sensazioni, ma mi sembra a posto"

Nelle ultime settimane le ambizione del Torino si sono completamente ridimensionate. La squadra, dal giorno dello stop di Belotti, non riesce a trovare con facilità la via del gol ed è ancora ferma a quota 13 punti dopo dieci partite. Il KO per 3-0 di mercoledì contro la Fiorentina ha messo in mostra ulteriormente i deficit della squadra granata, che domenica con il Cagliari avrà l’obbligo di vincere. A strigliare gruppo e allenatore anche il direttore sportivo del club, Gianluca Petrachi, che così ha parlato a Toro Channel: “È già qualche match che non funzionano cose importanti - ha detto - questa squadra ha bisogno di ritrovarsi per agonismo, deve volere il risultato. Sta venendo meno questo tipo di meccanismi che, credo, debbano avere soprattutto i ragazzi. Queste miei impressioni sono state manifestate all’allenatore, sia dopo la partita di Firenze che oggi: non basta solo la qualità per vincere. Quella viene dopo: servono soprattutto agonismo e spirito, quello che ci è mancato da dopo il derby. Purtroppo tutte le mie previsioni e i miei precetti sono stati seguiti dai fatti”.

"Belotti mi sembra a posto, tocca a lui"

Le parole di Petrachi non sembrano però far presagire l’esonero imminente di Mihajlovic, nonostante la panchina del serbo sia chiaramente traballante: “Possiamo ripartire, ne abbiamo le qualità per farlo. Penso all’anno scorso, proprio alle gare contro Roma e Fiorentina: abbiamo sempre inseguito la vittoria. Ci serve quello spirito, quella voglia e quella tenacia. I confronti? Si verificano anche in famiglia, costantemente. Siamo tutti nella condizione di farci un esame e capire come ripartire“. Magari anche con un Belotti in più, che già nei prossimi giorni dovrebbe tornare in gruppo: “Io credo che sia determinante in questo senso la sensazione del ragazzo. Tutto il protocollo medico è stato seguito, e le valutazioni cliniche sono tutte positive. Il responso lo darà poi il campo: oggi ha svolto un lavoro specifico ma mi sembra a posto. Dovremo capire se potrà tornare e se non avrà alcun tipo di dolore a calciare“, ha concluso il ds.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche