Milan, futuro Montella: vertice di 2 ore e mezza tra Fassone, Mirabelli e l'allenatore

Serie A

Lunga riunione tra l'allenatore rossonero e la dirigenza al termine di Milan-Juve: l'ennesima sconfitta contro una grande ha portato alla necessità - che è stata evidenziata a Montella - di tradurre in punti la crescita che è stata registrata nel gioco. Obiettivo: concentrarsi sull'Europa League e sfruttare un calendario "alla portata" fino a fine dicembre

Al termine di Milan-Juve, come da tradizione, Montella, Fassone e Mirabelli si sono radunati per analizzare insieme la partita. In questo caso la riunione è stata più lunga del solito: i tre sono usciti alle 22.20 da San Siro, quasi 2 ore e mezza dopo la fine del match. Il dato oggettivo che è stato preso in esame è amaro: il Milan con le grandi perde sempre.

Adesso però, dopo avere incontrato (e perso) contro tutte le grandi, e dopo aver finalmente capito - in società - che il Milan può ambire al massimo ad un buon campionato, a Montella è stato chiesto di fare filotto. Adesso serve non sbagliare più. Da qui a fine dicembre (Napoli a parte) l'allenatore rossonero ha una missione: battere Sassuolo, Torino, Benevento, Bologna, Verona, Atalanta e Fiorentina. Per la dirigenza si tratta di sfide alla portata del Milan. Se è vero che la crescita c’è, va tradotta in punti. Questo è ciò che Fassone e Mirabelli chiedono a Montella. Il campionato del Milan comincia adesso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche