Juve-Crotone, Allegri: "Domani Mandzukic gioca, Chiellini e Cuadrado out. Non siamo in crisi"

Serie A

Il pareggio contro il Barcellona ha restituito un po' di serenità dopo il brutto KO contro la Sampdoria: ora la Juventus è attesa dal Crotone, prima di un ciclo di ferro che la vedrà impegnata contro Napoli e Inter, con in mezzo la decisiva sfida di Atene. Massimiliano Allegri presenta in conferenza la sfida contro i calabresi, in programma domani alle 20:45 all'Allianz Stadium

Ripartire, anche in campionato. Riscattare lo stop contro la Sampdoria con lo stesso input (poi rispettato) che Allegri aveva dato prima della sfida contro il Barça: non prendere gol. L'allenatore bianconero ha più volte sottolineato quanto un'ottima e collettiva fase difensiva sia la base sulla quale costruire una squadra vincente. A partire dalla sfida al Crotone, che precede un ciclo molto impegnativo durante il quale la Juve sfiderà Napoli e Inter e si giocherà la qualificazione agli ottavi di Champions ad Atene. Massimiliano Allegri presenta in conferenza stampa la partita di domani sera.  

Sui moduli, la formazione e Mandzukic

"Mandzukic domani gioca, se sta bene domani gioca. I moduli? Evitiamo i numeri, facciamo le cose bene in partita sia quando abbiamo la palla che quando non ce l'abbiamo. Mercoledì abbiamo giocato con quattro giocatori davanti, la differenza era Barzagli dietro e quindi la costruzione a tre. Ma questo tipo di costruzione possiamo farla anche giocando a quattro con un terzino dentro al campo. Deciderò tra oggi e domani: Buffon giocherà, è lui il titolare. Chiellini, Cuadrado e Bernardeschi non ci saranno, speriamo martedì di riaverli con la squadra. Per Napoli? Vedremo; anche Khedira riposerà".

Sull'impiego di Howedes e su Lichtsteiner

"Ieri ha fatto un buon allenamento, se lo conferma anche oggi è una soluzione che potrei scegliere. Lui ha una qualità, riesce a gestire bene la palla e sa far partire l'azione. Può giocare nei tre di difesa da centrale o nei quattro da esterno. Stephan è sempre stato importante e lo è anche adesso, ha ancora molto da dare alla Juventus. Poi è chiaro che devo fare delle valutazioni e delle scelte".

Su Matuidi, Alex Sandro e Douglas Costa

"Matuidi fuori? Scelta tecnica e tattica, poi lui all'inizio aveva giocato tanto e aveva bisogno di recuperare. Alex Sandro non ha perso la qualità nel giro di pochi mesi, deve trovare condizione fisica e mentale. Ma sta già tornando ai suoi livelli, mercoledì l'ha dimostrato. Douglas? Ha qualità straordinarie, deve essere soltanto più continuo all'interno nella stessa gara".

Sul Crotone

"Si difende molto bene e non esce mai dalla partita, domani abbiamo l'obbligo di vincere e per farlo non dobbiamo uscire mentalmente dalla gara, perché quando è successo con le piccole abbiamo sempre preso gol".

Sul campionato

"Tante squadre si sono rinforzate e hanno la grande motivazione di battere la Juventus per la prima volta dopo sei anni.  Dobbiamo mantenere l'equilibrio e lavorare, non deprimersi né esaltarsi. Non siamo in un momento di difficoltà, stiamo viaggiando a una velocità buona: è il Napoli che sta facendo qualcosa di straordinario. Non siamo in crisi, lo eravamo due anni fa quando eravamo tanto distanti dal primo posto. E' chiaro che dobbiamo migliorare da qui a marzo, la stagione è tutta da giocare: sarà il rush finale a decidere, in quel momento lì ci sarà da non sbagliare e ci sarà da divertirsi".

Sul rinnovo di Messi e la clausola da 700 milioni

"La cosa più giusta era che Messi rimanesse al Barcellona, vederlo giocare in campo è sempre una cosa straordinaria. Tutto quello che fa, che sembra semplice, gli altri non lo fanno".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche